PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il topo - parte prima: l'enigma

"Allora" disse il detective Brown: " Proviamo a riepilogare tutto il caso: Karl Erintong, 33 anni, progettista di macchine per la pulizia domestica, è stato ucciso nel suo microscopico appartamento; nessuno a parte la vittima e l'assassino sono entrati, eppure, quando i poliziotti sono arrivati non hanno trovato nessuna impronta digitale o altri indizi utili; solo il suo corpo inerme rivolto a pancia in su con una ferita mortale alla testa" i suoi occhi marroni erano stanchi, ma si capiva che era frustrato, come un animale che corre dentro un labirinto senza riuscire a trovare l'uscita: " E non ci sono nenche testimoni" puntualizzo il suo collega Luke arricciandosi i baffi: " Giusto; nessuno ha assisto alla scena e nessuno ha sentito niente; in più, il luogo dell'omicidio è in un condominio in affitto dal cugino della vittima e non possiamo sigillarlo per sempre". Molti altri poliziotti della stazione, oltre Brown e Luke, si stavano occupando del caso, ma senza trovare una soluzione: " Fammi riascoltare gli interrogatori ai principali sospettati" borbotto l'investigatore: " Parti con la moglie, Mary". Il suo collega armeggio con il registatore, poi partì il dialogo: " Signora Coster, lei è sospettata di aver ucciso suo marito; mi dica dove era Martedì sera e Martedì notte se è vero che suo marito aveva dei debiti e era sul punto di divorziare" "Innanzitutto martedì sera ero andata a correre con una mia amica che può confermare, e la notte ero a dormire a casa mia" " C'è qualcuno che può comfermarlo? " Uhm... in realtà no, ma è la verità!" "Vabbe torneremo dopo su questo argomento; aveva debiti e stava per lasciarla?" "Sì aveva dei debiti qua e là e mi stava per lasciare, ma era un sentimento reciproco; anch'io non provavo più quello che provavo una volta e quindi volevo separarmi. Mi creda agente non ho ucciso mio marito!". Si sentì un clic dovuto al cambio della pellicola e poi partì la seconda registazione, al cugino di Karl, George: " Signor Erintong, afferma che l'appartamento dove abitava suo cugino era di sua proprietà?" "Sì agente" "E afferma che da lui non riceveva un centisimo di affito?" "Non so come abbiate gatto a saperlo, ma comunque sì è vero non mi arrivava niente di affito da lui, ma..." " Dove era Martedì sera?" "In un ristorante francese con mia moglie; può chiedere al propietario di quest'ultimo e vedete che mi darà ragione" "E Martedì notte?" " A casa mia a dormire" "Qualcuno può confermarlo?" " No. Ma se pensa che sia stato io ad uccidere mio cugino, si sbaglia. È sempre mio cugino!" "Questo lo vedremo". Dopo un nuovo clic partì l'ultimo interrogatorio: " Signora Armiert, è vero che lei in passato era stata tradita da Karl?" Già. Molto tempo fa siamo stati insieme ed eravamo molto innamorati; ma poi lui si è innamorato di Mary e mi ha lasciata " " Afferma che aveva dei debiti con lei da parecchio tempo?" " Sì" " Dove si trovava Martedì sera?" " Ad una festa ; lo possono confermare svariate persone" " E dove era Martedì notte?" " A dormire " " Ci sono testimoni?" " Uhm.. no agente" . Il registratore finì la sua registrazione. Nella stanza cadde un silenzio tombale. Molti agenti di polizia si guardarono perplessi. Brown parlò per primo, rivolto al suo collega : " Propongo di ritornare al luogo dell'omicidio; forse ci è sfuggito un indizio" " Be, tentar non nuoce". I due scesero le scale e andarono verso la macchina di Luke.

12

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 29/10/2014 09:16
    Agata Christie e Colombo... vediamo Brown se ha risolto...

2 commenti:

  • Matteo il 24/10/2014 15:49
    Ma come... e ci lasci così ? Sulle spine??? Aspetto il resto della storia.
  • Matteo il 24/10/2014 14:38
    Ciao Dario, come va? Sono Matteo V. , bel racconto, però dovresti finirlo ( anche se mi hai già raccontato la fine ).

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0