PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gli albori della vita (5a parte)

La materia, è bene metterselo in testa o nella zucca (per chi non ce l'ha), ha le ore contate (al pari della materia grigia che ci fa ragionare a scopo egoistico) con l'era spirituale che sta per iniziare, allorquando l'intelletto (checché ne dica Hegel e la sua ragione) ci insegnerà ad amare con appena due regole basilari: il rispetto reciproco (rispettando gli altri si ha il rispetto di tutti) e l'amore fraterno e filiale paritari da non differenziare per questioni materiali, altrimenti le guerre iniziano già in famiglia per un'arida zolla di terra da dividere.
Per arrivare a tanto, ad onor del vero, devo convincere ancora qualche mio familiare, che non concepisce (per legami terreni) le mie scritture etiche e non capisce (per vincoli materiali) le mie poesie morali, quando invece è tempo che la ragione egoistica (sistema nervoso/cervello) ceda il passo all'intelletto altruistico (sistema spirituale/anima) lungo quell'intricato percorso neuropsichico (neurone/pensiero/verità) che dal buio della materia conduce all'amore, luce della verità... verum scire est scire per causas (Aristotele), di causa in causa si scopre l'amore e si ascende alla luce della verità (Maiello).

Proprio al fine di educare (per insegnare ad amare... non terra terra!) da tempo scrivo libri di morale (mi costano un occhio della fronte) che regalo ad assistiti, amici e familiari, mentre loro a Natale regalano (a caro prezzo) le banalità che scrive Vespa a scopo di lucro e non certo istruttivo, ed a breve ce lo ritroveremo in tutte le trasmissioni televisive a pubblicizzare il suo solito libro natalizio...

caro Vespa, varietà color bruno,
di porta in porta ronzante tra tanti libri,
sei un continuo fastidio per le orecchie,
non bello alla vista e, ahimè,
la tua puntura può esser letale.
Dacci oggi un po' di pace
e concediti pure tu tanta pace.
Della televisione fai casa e bottega
e mi hai spinto a scrivere sull'anima
per rigenerarla dalle tue vessazioni
al modico costo del canone Rai

Di porta in porta, intanto, ti riporta a quella politica che non è più la cosa pubblica ma una cosa comica (a parte Grillo), quando dovrebbe essere, invece, una cosa seria con occhio di riguardo a tanta povera gente (e non al contratto milionario di Vespa) senza più lavoro o con uno stipendio da fame. Il guaio dei soldi e della crisi economica, senza più scomodare grandi analisti (un dì ci fu il professor Tremonti), è che pochi ne hanno moltissimi e moltissimi pochi o quasi niente.

Questa triste realtà la vivo quotidianamente da medico di base e, visto che compiliamo pure la schede di fragilità... mentale (a 80 anni un politico che si permette una giovane morosa non è lucido di mente... lui e la fidanzata!), proprio da noi medici di famiglia potrebbe partire la depurazione politica per ritrovarci al cospetto quantomeno di gente giovane, bella e attiva... ogni riferimento a Renzi e alle sue ministre (la Boschi te la gusti e la Moretti... te la bevi!) è puramente casuale.

12345

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 23/10/2014 08:13
    Una scorribanda poetica tra l'humour arguto e la realtà che ne traspare... Sempre attento a la mensa insipida che ci viene servita quotidianamente Francesco... FELICE GIORNATA

3 commenti:

  • Francesco Andrea Maiello il 23/10/2014 16:07
    Per non piangere, caro michele, la quotidiana mensa insipida la possiamo condire solo con tanta ironia. Almeno questa non ci costa niente e ci mantiene alla larga dalle malattie (chi ride fa buon sangue) che costano tanto!!!
  • Francesco Andrea Maiello il 23/10/2014 15:57
    Vincè nell'attesa dell'oro liquido il vespone o meglio il volpone si pappa un contratto milionario e, per giunta, noi ci compriamo i libri e... paghiamo il canone!
  • Vincenzo Capitanucci il 23/10/2014 09:17
    Caro Francesco.. le Vespe non fanno miele.. ma penso che berremo tutti.. l'oro liquido.. della luce..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0