PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo Natale

Le scale, una porta e un corridoio come tanti, con l'acre odore ospedaliero; poi l'ingresso nella stanza.

C'eravamo tutti.
La sera del giorno di Natale.
Da sempre il Natale, o il secondo giorno, eravamo da lei ad Antignano; stavolta le condizioni di salute la relegavano in ospedale ma quasi per un accordo c'eravamo dati appuntamento tutti in quella stanza. Ancora una volta nonna riusciva a passare il Natale con noi, nipoti, figlie e parenti prossimi. Ci aveva tacitamente convocato.

Che differenza c'è tra una stanza piena e una vuota? Enorme. E la sua era colma, e poi noi continuavamo a parlare di cose varie, non solo di lei, era una riunione familiare. Per lei, l'osservazione dal suo letto, l'immagine della vita che sarebbe continuata.
L'ultimo atto non poteva che essere così, davanti a se aveva tutte persone che, in sua mancanza, non ci sarebbero state o comunque non si sarebbero mai conosciute tra loro.

Non eravamo più all'ospedale, anche gli odori del Natale ce li eravamo portati da casa; li avevamo sui vestiti, sui capelli e sulle facce tristi. Ma li avevamo.
Era il giorno dell'ultima volta, e meglio non avrebbe potuto essere.
Quando mi sono avvicinato per salutarla le ho dato un bacio sulla fronte. Non glielo avevo mai dato.
"Poi torno a trovarti" le dissi
"Ciao." - mi disse piano.
"Come nonna?"
"Ho detto ciao."

Io non lo sapevo, ma lei sì, che sarebbe stato l'ultimo.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Luca il 04/11/2014 13:55
    Un ciao è sempre meglio che un addio, d'altronde non saremo mai realmente separati da loro, ma saranno sempre con noi.

4 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 25/05/2015 15:09
    Un racconto d'amore molto bello: si avvertono sullo sfondo il dolore e la nostalgia, ma in primo piano c'è l'amore, come avrebbe voluto lei, tua nonna.
  • Chira il 28/11/2014 10:16
    Si sente tutta la coesione e l'affetto di una vera famiglia... e si sente il Natale, quello che non è fatto solo di lustrini e regali ma di BENE ed AFFETTO che circola, con poche parole e significativi gesti.
    Chiara
  • eurofederico il 04/11/2014 16:54
    molto bello e delicato!
  • Vincenzo Capitanucci il 04/11/2014 13:17
    molto bello Glauco.. gli odori di Natali portati in ospedali... Ciao mi disse.. ed era un addio..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0