accedi   |   crea nuovo account

Parentesi per un pensiero di riflessione

Mi sono domandato spesso scrivendo questo libro, se sia possibile che uno s'innamori del personaggio femminile che descrive, proprio come è accaduto a me. Me lo sono ripetuto più volte: no, è impossibile, è assurdo, lei è solo parto della mia fantasia. Eppure mi sono ritrovato molte volte a pensarla, a vederla raffigurata con gli occhi della mente, parlarle come fosse stata lì accanto a me, reale e non immaginaria. Il piacere di andarla a cercare fra le righe tutte le volte che mi apprestavo a descrivere i nostri incontri. Ogni volta mi sembrava che stesse a interloquire, come fosse reale, viva, presente, e di ragionare con lei nel modo più naturale del mondo, fino al punto di soffrire della sua passata sofferenza, del suo distacco da me. La sua voluta e forzata lontananza ha lasciato dentro di me un vuoto e una malinconia indescrivibile, come se non fossi stato io a concepirlo, perciò a volelo. Molte volte ho pensato che in quei momenti non fossi stato cosciente, oppure tutta questa sentimentalizzazione derivasse da uno sdoppiamenteo di personalità.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Virginio Giovagnoli il 24/11/2014 09:32
    Vorrei poter spiegare l'opera almeno a tutti gli amici e non del veb, ma non so come fare. Posso solo dirvi che chattando, prima o poi la troverete tutta l'introduzione e la sinossi. Sullo store ibs. it a solo euro 2, 99 e il cartaceo a 11, 9.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0