PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il lampredotto di bronzo

Appena uscito dall'aeroporto Lorenzo fermò un taxi della compagnia dei taxi gialli. I taxi gialli li riconosci subito: sono di tutti i colori, tranne il giallo.
- Forse li chiamano così perché i conducenti sono cinesi - pensò - se è così me ne ritorno a Prato.
Il conducente non era cinese, e allora lui salì a bordo.
- Non sei cinese, vero? - chiese al conducente.
- Ti sembro cinese?
- Non so, non ho mai visto un cinese di New York.
- È la prima volta che ci vieni?
- Non ero mai venuto prima a New York perché non parlavo l'inglese.
- Ma stai parlando un ottimo inglese!
- Un giorno mi sono alzato e ho deciso di impararlo.
- E quanto tempo ci hai messo?
- Te l'ho appena detto: un giorno. Mi sono iscritto ad un corso accelerato, talmente accelerato che ho dovuto pagarlo prima che mi facessero firmare il modulo di iscrizione.
- Ma dopo l'hai firmato.
- Macché, quando ho finito di leggerlo il corso era già finito, comunque ho imparato che non bisogna mai firmare un modulo di iscrizione ad occhi chiusi.
- Perché, cosa c' era scritto che non ti ha convinto?
- E che ne so, il modulo era in inglese. È come se vai ad iscriverti al ku klux klan e il modulo te lo consegna una segretaria di colore.
- Ma lo vedi subito di che colore è la segretaria!
- Appunto, mai firmare ad occhi chiusi.
- Giusto. E cosa ti ha colpito quando sei arrivato a New York?
- M ha colpito il fatto che nessuno parlava in inglese.
- Io ti sto parlando in inglese.
- Tu sei di New York?
- No, sono di Prato.
- E perché sei venuto a vivere a New York?
- Perché non parlavo il cinese.
- Ma i cinesi sanno parlare anche l'inglese.
- Non quelli di Prato, loro parlano solo l'italiano.
- Anche io sono di Prato, come ti capisco!
- Allora possiamo parlare in italiano.
- Non parlo italiano, ho frequentato una scuola cinese.
- Allora dovresti avere imparato bene il cinese.
- E come facevo, la maestra parlava sempre in italiano.
- Ti capisco, anche la mia maestra parlava in italiano, altrimenti avrei potuto imparare il cinese, e sarei rimasto a Prato.
- Conosci un buon albergo dove si spenda poco?
- A New York o a Prato?
- Non lo so, non ho ancora deciso dove vivere.
- Ci penserò, per ora vieni a casa mia, mia moglie ha fatto degli ottimi spaghetti.
- Anche tua moglie è di Prato?
- No, è cinese.

12

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Stanislao Mounlisky il 11/04/2015 05:56
    Da leggere ma anche, soprattutto, da mettere in scena. Molto divertente e saporito come un lampredotto.

1 commenti:

  • Ellebi il 01/12/2014 00:01
    Bravissimo, degna certo di quel Campanile che metteva insieme dialoghi assurdi ed esilaranti come, appunto, è quello appena letto. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0