PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LO SCRITTORE LEGGE UNA SUA OPERA

Era una giornata d’inverno e Alice guardava i gatti.
Tutta la gente la fissava male e con malinconia.
Alice portava la tristezza nella loro città, difatti alice guardava i gatti non nel suo paese ma nel gycdt.
Un giorno gycdtiani decisero di fare la guerra ad Alice, ma loro non sapevano che lei era immortale.
FINE
Questo racconto lo stava leggendo Gennarino, ed era l’unica copia venduta.
Lo scrittore era l’omonimo.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Danl Or il 26/03/2010 18:43
    Perché non c'è un minimo alla decenza umana?
  • Anonimo il 15/07/2009 02:13
    E Gennarino guarda i gatti? Oppure continua a leggere copie uniche di misteriosi abitanti di luoghi difficili da pronunciare?
  • Sarah My il 24/01/2009 11:26
    fai proprio schifo!! ma dove vivi? ma con che coraggio? cos'hai contro i gycdtiani?
    cioè io sono di quel paese.. qst è raxzismo ti denunco all'autoritàn gydtianma
  • sara rota il 02/05/2007 17:40
    Decisamente particolare, non si comprende bene se sia l'inizio o la fine di un qualcosa. Scusa la mia ignoranza ma cosa è il gycdt? Ciao alla prossima. Ho comunque apprezzato il coraggio...
  • alice di nanna il 25/04/2007 14:28
    mi pace, ma... perche alice era immortale??
  • Ivan Iurato il 24/04/2007 18:15
    ma cosa è?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0