username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A Natale siamo tutti più buoni

Era la vigilia di Natale, ed il freddo era tagliente come la lama di un rasoio. La bimba, vestita di stracci, teneva in mano una lurida bambola di pezza senza una gamba. Il suo fiato chiazzava disegnando un alone di condensa su i cristalli della grande vetrina sovrastata dall'enorme insegna " Antica Pasticceria". I suoi piccoli occhi fissavano, sbarrati, l'interno del negozio, mentre il viso, che poggiato sulla vetrina si era quasi schiacciato come per poter attraversarla, si deformava disegnando una maschera stranita.
Ogni volta che la porta si apriva percepiva il delizioso profumo dei dolcetti, mentre un piacevole calore faceva capolino spargendosi nella strada. Sul bancone vedeva esposti in una fantasia di colori e sapori torte enormi, una miriade di bignè, pasticcini, cioccolate e caldi e fumanti crossaint, li osservava, muoveva le labbra e deglutiva
come se li stesse assaggiando tutti. La gente usciva con dei pacchettini colorati e legati da simpatici fiocchetti dorati e lei aspettava, aspettava, aspettava. Un signore arrivò con un cagnolino al guinzaglio che legò fuori, al palo di un segnale stradale, ed entrò. La bambina si avvicinò' al cagnolino per accarezzarlo e giocare un po', mentre poco dopo quel signore uscì con un fumante crossaint in mano.
Guardò la bimba, prese un pezzo di crossaint e lo diede al cagnolino, aspettò che lo mangiasse e poi lo slegò e si allontanarono. La piccola li segui con lo sguardo mentre due piccole lacrime le solcarono la linea degli occhi scendendo sulle minuscole guance fino a sfiorarle le labbra che strinse mordendole tra i denti.
Poi diede un ultimo sguardo alla vetrina e accostandosi la lercia bambola al petto andò via.

 

0
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/01/2015 11:45
    Molto appreyyato e piaciuto questo tuo bellissimo!
  • Rocco Michele LETTINI il 02/01/2015 09:29
    IN DUE RACCONTI... LA BONTA' CHE CI RENDE PIU' BUONI... PERCHÈ SOLAMENTE A NATALE? IL MIO ENCOMIO ANDREA...

4 commenti:

  • AlfaCentauri il 02/01/2015 20:45
    grazie, rocco

    ps
    la questione non è chi viene prima; quando si vuole bene, anche
    l'animale ha bisogno delle attenzioni degli umani (e a dirla tutta quel dolce non gli ha fatto proprio bene!!!)
    certo è, che di fronte ad una situazione del genere, la piccina aveva la precedenza... e non solo per un cornetto...
  • Rocco Michele LETTINI il 02/01/2015 18:37
    @అర్ధరాత్రి నీలం?
    Chiedo le mie scuse, hai fatto bene a riprendermi, il racconto non l'ho letto... Il titolo mi ha tratto in inganno... Certamente... il comportamento dell'uomo è di una cattiveria disumana come tu dici... in questo sporco mondo vengono primi gli animali e le lacrime d'una bambina non hanno alcun effetto. Ero in ufficio quando l'ho lasciato frettolosamente. Il mio ringraziarti.
  • Chira il 02/01/2015 13:43
    So che è ironia principalmente... ma fa male comunque al cuore. Mi hai ricordato il mio sgomento nel leggere Davide Copperfiel, Oliver Twist, La piccola fiammiferaia... e se stiamo attenti anche oggi c'è tanto spreco stupido e tanta fame per altri e non solo a Natale, purtroppo. Riuscitissimoo intento nella stridente contrapposizione di realtà.
    Chiara
  • AlfaCentauri il 02/01/2015 13:31
    @ rocco?
    MA L'HAI LETTA LA STORIA, DICO QUESTA?
    ... è di una cattiveria disumana!

    -ALMENO QUELLO HA FATTO IL CATTIVO PURE A NATALE, SENZà TROPPE IPOCRISIE!!!-

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0