accedi   |   crea nuovo account

Sotto la pioggia

Verso le quattro del pomeriggio di quella domenica, d'improvviso, il cielo si squarciò in uno di quei temporali estivi, brevi e violenti, che ricordiamo in tutte le nostre estati.
Il carro, maestoso e solitario, sostava nella piazza, davanti alla Chiesa, a fianco al campanile: si era sciolta da ore la processione, affollata e festosa, che in mattinata aveva accompagnato la statua della Madonna della Neve lungo le strade di Ponticelli; e non ancora si erano accese le luci della festa che, in serata, avrebbe animato il paese.
Era il 10 agosto 1953.
Angelina fu sorpresa dall'acquazzone in Corso Ponticelli ("ma San Lorenzo non dovrebbe essere il giorno più bello e caldo?") e non ebbe altra opportunità, per ripararsi, che entrare in chiesa.
Era stanca e si fermò a lungo. Forse pregò la Madonna, o più probabilmente S. Antonio, di cui era da sempre devotissima, o li ringraziò. O soltanto si riposò un poco.
Era un giorno particolarissimo per lei: avuta notizia, pochi giorni prima, che avevano assegnato al marito ed a lei un alloggio popolare a Ponticelli, era voluta venire, da Napoli, a vederlo.
Era sposata da quattro anni, Angelina, ed ancora non aveva figli; il marito, operaio turnista, di Padova (come non pensare ad un segno di S. Antonio?) quel giorno lavorava e lei, con il tram, da sola, era venuta a vedere.
A Ponticelli non era mai stata e non ne sapeva quasi nulla, se non un remoto racconto del padre che, forse ai primi del secolo, veniva da queste parti, al fiume, a pescare anguille.
Questa casa, dove avrebbe poi vissuto per sempre, dal gennaio dell'anno successivo, fu una grazia tanto a lungo implorata.
Tornò a Napoli, quando il temporale era finito, nella stanza ammobiliata dove abitavano; dovette ripensare a lungo alla sua nuova casa, ma anche alla chiesa, al carro, alla storia di questa tradizione di cui una donna, in chiesa, le aveva parlato.
All'unico figlio, Antonio (naturalmente), nato dieci mesi dopo, Angelina avrebbe raccontato molte volte del carro sotto la pioggia.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Antonio Guizzaro il 06/12/2007 21:46
    Il punto interrogativo, gentile Sambataro, significa dubbio, indifferenza, o semplice disprezzo? Faccia sapere.
    La ringrazio anticipatamente.
  • Maria Lupo il 18/09/2007 14:18
    P. S. 2 - No, a rileggere meglio credo di aver detto una sciocchezza, il naturalmente ci sta bene.
  • Maria Lupo il 15/09/2007 14:02
    P. S. Toglierei il "naturalmente" nella parte finale, sottrae forza al racconto.
  • Maria Lupo il 15/09/2007 13:56
    Molto ben costruito e anche commovente... almeno per me. Forse si potrebbe completare il ricordo, sulla stessa linea.
  • Ivan Benassi il 15/08/2007 19:00
    Un ricordo. Piacevole da leggere.
  • Anonimo il 09/05/2007 23:07
    Così tremendamente vero ke mette quasi tristezza leggerlo... ed è proprio bello per questo!!! Niente colpi di scene o eventi grandiosi... la realtà... l'evento principale di una delle tante vite di una normale donna del sud... negli anni 50... la casa, il bene materiale più ambito... il nido dove creare una famiglia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0