PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Carlo Goldoni, avvocato

Scrivo queste notarelle un po'divertenti sul nostro Carlo Goldoni, grande commediografo veneziano del 1700, analitico e spietato ironico della borghesia mercantile e della aristocrazia taccagna e boriosa del suo tempo. Ancora molto rappresentato nei teatri di mezzo mondo, Goldoni esercitò l'avvocatura, e con un certo successo, sia in Venezia che in Pisa, dopo essersi laureato all'insigne università di Padova, università antagonista di Bologna, in fatto di studi giuridici. Goldoni abbandonò l'avvocatura per dedicarsi solo al teatro, con una commedia esilarante, " L'avvocato Veneziano" , con la quale egli diede l'addio alla toga. Ricordiamoci però ch'egli per tutta la vita si qualificò sempre come" avvocato veneziano". La commedia è assai curiosa perchè parla di un avvocato che si innamora della cliente avversaria, con tutto il traffico e i problemi deontologici che la faccenda poteva comportare anche in quei tempi. C'è una frase grandiosa, nel testo, che Goldoni fa dire al suo protgonista, con calcata serietà, ossia : "co l'avvocato xe in renga" - quando l'avvocato svolge l'arringa- "xe impiegà tutto l'omo", ossia tutto l'uomo è preso.
La toga, dunque, annulla e giustifica.
La commedia ha uno scopo didattico giuridico manifesto. All'epoca la scuola forense veneziana era tutta orale, anche per il diritto civile. E tanto era l'autorevolezza di questa scuola che gli avvocati del tempo potevano esercitare oralmente presso anche altre corti foreste, fuori del Veneto. Nel testo goldoniano l'avversario dell'avvocato veneziano è il dottor Balanzone, che rappresenta l'uso forense bolognese, ossia la difesa scritta, caricata e, visto il gusto dell'ironia goldoniana, messa in caricatura. Balanzone si dibatte in libelli scritti, trasudanti latino. Si confronta e scontra con l'avvocato veneziano che invece si prepara la difesa solo oralmente, per una causa di eredità da trattare davanti al tribunale di Bologna. Insomma una commedia assai gustosa e vivace, condita dalla passione amorosa verso la parte avversaria, una stuzzicante vedova. Goldoni apprezzava moltissimo l'intelligenza femminile, sia nelle donne aristocratiche che in quelle del popolo. Insomma, se vi capita per le mani questa commedia, non fatevela sfuggire. Anni fa l'Ordine degli Avvocati di Venezia la fece pubblicare in un grazioso libretto, in onore di Carlo Goldoni, avvocato veneziano.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/03/2015 19:56
    Sì, buon pezzo, ma poco scorrevole... sono i numerosi incisi che spezzano il ritmo narrativo. Tolto quello il racconto è valido.

2 commenti:

  • mariateresa morry il 28/02/2015 17:54
    Per Colosio; le donne nelle commedie goldoniane hanno tutte ruoli rilevantissimi e assai meno caricaturate dei personaggi maschili. In Goldoni v'èiltratteggio dell'aritocratica come della servetta;donne sagaci e sempre con commenti pungenti. La società del suo tempo è una società mercantile dove nelle famiglie i poteri spesso sono di fatto in mano a donne.
  • Anonimo il 28/02/2015 17:19
    Anche questa è un piccola perla... ciaociao
    P. S. non sapevo che Goldoni apprezzava l'intelligenza femminile... beh però lo si può capire da certe sue commedie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0