username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

All'antico caffè della piazza

Snocciolavo il Rosario fra le dita, pregavo che tutto andasse liscio, mi ci ero buttato a capofitto senza pensarci due volte e come un cane chow chow iniziai a spolverare tutta la spazzatura che riuscivo a raccogliere perché non sopportavo che quella letterata fosse tanto e aimè tanto più brava di me, non potevo accettare quelle critiche sui miei scritti, dovevo fare qualcosa per offendere il suo orgoglio, anche ferendola mentalmente con scurrili parole da scaricatore di porto, che avrebbero fatto arrossire anche i più libertini esseri della terra; insomma lei non doveva più frequentare quel salotto letterario che era L'Antico caffè della piazza.
Mi ricordo che era il lontano 1910 e decisi di raccogliere tutta la documentazione e anche gli screzi che l'erudita donna aveva lasciato in altri salotti letterari, così avrei potuto confondere le acque, perché avrei agito sotto falso nome, mettendo una maschera come si usava in quel tempo, facendo di tutto per non farmi riconoscere; detto fatto, mi accorsi che ne aveva creati tanti scritti e anche degli screzi, con un'autore di quella famosa sala letteraria che non rammento il nome.
Così iniziò il mio piano diabolico; perseguitai quella donna per tanti anni credendo inizialmente che fosse un'altra persona di mia conoscenza, invece mi sbagliavo, ormai però ero entrato nella parte, non mi interessava niente, ci avevo preso gusto a torturarla, ferendola da tutte le parti.
Poi un giorno l'aria era diventata irrespirabile, perché la donna di cui ho raccontato fino a questo istante, si ribellava, senza mai arrendersi, anzi, offendeva anche la mia amante, - la chiamerò per comodità la mia gattina e gli darò un colore - nero - mi piace il nero come il pelo selvaggio (anche se grigio in realtà) della mia gattina; però questo non potevo accettarlo mettere la mia gattina nera davanti agli insulti, era inaccettabile, così un giorno di comune accordo, insieme ad altri commensali di lettura del caffè della piazza decidemmo di lasciare questa famosa sala letteraria e ci accingemmo a frequentare un'altra sala di the un po' meno frequentata, dove sicuramente avrei potuto rappresentare quei 4 o 5 letterati che mi seguirono, in fondo avrebbero sempre appoggiato qualsiasi cazzata che avrei presentato al barista, così avrei ripreso la mia leadership in quest'altro luogo. In fondo a me interessava solo apparire essere il Boss, nella vita purtroppo ho sempre preso botte e quella per me sarebbe stata come una rivincita alle mie male fatte mal riuscite; tanto pensavo: non mi possono toccare, sono protetto dai miei amici demoni, anche se in realtà io predico di amare gli angeli.
Ma è proprio vero che non bisogna mai fare i conti prima dell'oste, così un giorno un membro che frequentava L'antico caffè della Piazza decise di frequentare questo centro letterario, di nome mi ricordo fa "Gran Bar Oggi Antico Scrivo se Posso" con questo Signore, uno scrittore ben quotato, avevo avuto da ridire (in effetti ho sempre avuto da ridire con tutti coloro che non condividevano le mie idee e soprattutto spodestavano la mia visualità) sono troppo permaloso non ci posso fare niente, purtroppo non sono un bell'uomo e poi santa natura è stata inclemente: non ci vedo ed ho delle lenti con 3 cm di vetro, una bottiglia è meno spessa e non sai come mi pesa appenderli al naso, per fortuna che è solido sembra un attaccapanni, comunque non voglio soffermarmi su di me altrimenti dovrei interrogare un chirurgo plastico per poter essere un po' più presentabile al pubblico. Meno male che in questo nuovo salotto L'Amministratore non guarda la faccia e nemmeno cosa scrivo di solito mi convalida tutto anche la spazzatura, ebbene questo scrittore -diamogli un nomignolo -, "spider man come il film", si presentò con un nuovo nome e con un mazzo di ramoscelli di crisantemi per creare un'oasi di pace; no, pensai adirato qui mi rovina l'operato, lo porrò ad una votazione per far si che costui andasse presto via da codesto logo non voglio che "mini" con il suo passaggio questo bar oggi che scrivo, se posso lo faccio prima di andare in bagno. Quello che temevo però si sta avverando, il padrone del bar tramite un suo vassallo riunì tutta la sala e con pergamena alla mano inizio a fare lettura del pensiero dell'Amministratore del Bar, ed io aimè ascoltai in silenzio nascosto in un angolino buio:

123

2
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/09/2015 20:02
    Nanni e Martinello, una coppia che calza a pennello!

    Una domenica
    andando alla messa
    l'infida nannarella
    cadde per la ressa
    finendo in barella.
    Il suo cagnetto
    le balzò in petto
    guaendo poveretto
    orfano della nanni
    pisciatasi nei panni.
    Martinello leccava
    il viso suo di bava
    nei latrati sgomento
    acuti per lo spavento,
    zozzo il corpo di nanni
    infelice per mali affanni.
    Dalla bocca uscì un aiuto
    il barelliere la soccorse
    chiudendole un occhio
    d'uno sgracco ed uno sputo.
    Martinello poverello
    per lo spavento inatteso
    si leccò godendo il pisello.
    Una domenica
    andando alla messa
    nannarella perse la vita
    cadendo nella merda con le dita.
    Lesto la leccò Martinello
    ingordo cane di periferia
    spinto dalla voglia zozza
    di ciucciarla morta per la via.
    Amen
  • Anonimo il 04/03/2015 10:51
    Una perdita di tempo... come del resto lo è la sua inutile vita. Lei parla di quando era l'amante della bella Poletta e del suo desiderio di vendetta... Poi ha incontrato qualcuno che le ha dato il lavoro di cammarere in quel... dove ha incontrato Nannarella che vendeva crisantemi... Tutti e due vi siete messi assieme in quel detestabile mercimonio:lei pappone, lei mignotta.
    Ha scoperto questa sua arida vena da pseudoscrittore, ma si è subito esaurita... Non continui, è quella robina scura che lei fa sul cesso... Ahhahahaaaa.

7 commenti:

  • Anonimo il 19/09/2015 20:09
    Un autoritratto di Martinculo che lo piglia senza rinculo.

    ... non sono un bell'uomo e poi santa natura è stata inclemente: non ci vedo ed ho delle lenti con 3 cm di vetro, una bottiglia è meno spessa e non sai come mi pesa appenderli al naso, per fortuna che è solido sembra un attaccapanni, comunque non voglio soffermarmi su di me altrimenti dovrei interrogare un chirurgo plastico per poter essere un po' più presentabile al pubblico...
    Tu sei il cesso e la nanni lo scopino.
  • Tore Martino il 06/03/2015 17:06
    Lingua con i guanti oggi hai deciso per cita ti ringrazierà per la cacca che gli arriverà bene bene come ci tieni ai tuoi amici te lo faccio io il regalino poi S. Rita di foligno ti ringrazierà e in chiesa insieme andrete a pregar -
  • Anonimo il 06/03/2015 16:31
    Tore, il servitor cortese di linguacolo nato e cresciuto a osimo. Fatta la somma, che ne viene? Te serve n'aiutino?
    Hai la coscienza sporca e non ti serve parlare di ingenuità...
    Vai a prestar servizio dal califfo nero... c'è bisogno de te.
    Che fa er cane quanno vede er suo padrone?
    Bau, bau, bau, cola, cola, cola, arf, arf, arf...
    Mi scusi TOre, ma è la mia coscienza che non sta zitta. Bau, bau.
    E se facci dare un osso, belin...
  • Anonimo il 04/03/2015 19:10
    Adalgisa... bannata anche su oggiscrivo come Wanda Ceccarelli... e qui è WC... basta, non si può prendere in gito tutti per sempre. anche i più stupidi o i più distratti cominciano a capire... devi cambiare nick, cocco bello!
  • Tore Martino il 04/03/2015 13:16
    ma si che gisa ne ha soldini male che vada vende la casetta di campagna ah ah che gosuria
  • Anonimo il 04/03/2015 13:13
    Sacrosanta Verità... adalgisa anche su oggiscrivo è sotto controllo... ma occhio perché lì il gestore ha interessi economici e si rischiano quattrini tanti se c'è una denuncia...
  • Tore Martino il 04/03/2015 12:23
    Eccolo all'appello non avevo dubbi sulla tua immediata velocità nel giustificarti, in fondo ti riconosci subito, le tue male fatte le difendi altrimenti la chiusa non ti identificherebbem invece è azzeccata; quello che non riesci a capire è che ti ho fatto cancellare da qui e fra poco vai via anche dalla sala del the sei diventato un peso anche lì, in fondo dopo le tue ultime giustificazioni ridicole, parli in seconda persona quando in realtà parli direttamente in prima ci sono molti refusi che nemmeno ti sei accorto l'età avanza e la vecchiaia s'avvicina i riflessi non soo più gli stessi e non sei più lucido caro chaw chaw la lingua se oscurata di più, poveraccio sei allo sfascio chissà in quale altro bar ti accetteranno ormai ti sei fatto una fama che faranno fatica ad accettarti - Namastè -

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0