accedi   |   crea nuovo account

Tanto va la gatta al largo, che ci lascia lo zampino

Ed è proprio vero, se vuoi dimostrare che un personaggio è un semplice millantatore lo devi mettere alla prova, ebbene il re dei cloni che dal lontano 2011 persiste alla distruzione di questo sito, inventandosi una serie infinita di cloni che hanno di comune la stessa matrice di accanirsi e perseguitare l'eteronimo అర్ధరాత్రి నీలం fingendosi e spesso presentandosi con piccole correzioni di testi scritti da "Angelo Cosentino" così facendo cadere su costui i sospetti delle persecuzioni (tutto ciò dimostrabile perché tutta documentazione salvata pronta per ogni tribunale)
Ebbene dicevo bisogna mettere alla prova il maniaco in questione, per cui (e di questo mi scuso con il Cosentino) ma ieri ho volutamente pubblicare una sua opera per constatare se i sospetti che ho sempre avuto (cioè che il clone non fosse il Cosentino ma il personaggio che ormai tutti sanno dalle continue insinuazioni che si sono fatti in questi ultimi mesi) " se il Cosentino fosse stato il vero clone avrebbe subito riconosciuto una sua opera" il quale ha approfittato dell'ingenuità dell'eteronimo అర్ధరాత్రి నీలం che conoscendone i testi lo confondeva non pensando che invece il re dei cloni fosse il maniaco che tutti sanno e fanno finta di niente, ho detto tutto questo per isolare tutti coloro che si presenteranno contro l'eteronimo in questione, perché l'unica persona che voleva denigrarlo era sempre e solo il chaw chaw ormai da me definito così, che ha sempre disturbato il quieto vivere del sito..

Per correttezza il testo che non è di mia stesura lo cancellerò.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 08/03/2015 07:58
    Molto interessante e ben scritto. Bravo!
  • Anonimo il 07/03/2015 16:13
    L'ingenuità ti rende commovente e per asciugarti quella lacrimuccia di pentimento ti sono vicina:- HO SALVATO IL TESTO CANCELLATO!
    Così ti sentirai più tranquillo, Tore Martino. Avete peccato d'ingenuità... che tenerezza!

2 commenti:

  • Tore Martino il 07/03/2015 23:43
    Mariateresa, capisco il tuo stupore e le distanze che prendi a tutto ciò che succede, ma qui esiste un unico problema, quel'ignorante di lingua/si e nti ha approfittato della totale assenza dello staff e per 4 anni ha continuato a perseguitare chiunque assomigliasse alla sua ex amante che dopo averlo lasciato gli ha fatto causa e ci sono una 30000€ di risarcimento che deve e ha pensato che ancora pubblicasse nel sito - quando si è accorto che aveva sbagliato persona non gli è importato niente ed ha continuato a stolkare arabesque insultando una donna, ma ti rendi conto insultare nel modo più schifoso possibile UNA DONNA CHE SI PARLA TANTO DI VIOLENZE ALLE DONNE E IN QUESTO SITO LE VIOLENZE ALLE DONNE VISIBILI A TUTTI si ignorano, perchè tu Mariateresa che sei donna sai benissimo che una donna si violenta anche con le parile, ebbene questo cafone è 4 anni che insulta e violenta verbalmente una donna e tutti omenrtosi solo perchè questa donna ha commentato senza leccare nessuno e non è andato bene perchè qui o dici brava/o oppure si sentono toccati nel loro orgoglio, questa è una sintesi di tutto. Ciò che infanga lingua prima si e poi nti è solo per mostrarsi santo lui e diavoli gli altri. un archivio di insulti è conservato, tutti i nodi primao dopo arrivano al pettine - Namastè -
  • mariateresa morry il 07/03/2015 15:58
    molto distaccatamente, poichè di tutta questa bagarre non ho capito nulla, sorvolando volutamente i testi che davano origine a infiniti insulti ( molta gente temo sia in pensione e quindi può passare ore al p. c. ad insegursi), mi chiedo e vi chiedo che cosa impedisca al sito di essere un normale sito di autori più o meno bravi... dispostianche ad accettare qualche critica ai lavori, senza scadere sull'attacco alla persona. Questo mi chiedo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0