PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il giorno dopo constatavo

I ricordi sono un po' nebulosi, ma avrò avuto tra i sei e gli otto anni, e sicuramente sarà stata un'estate di quegli anni lì, una qualsiasi, perché io in quegli anni, ogni estate ripetevo il mio "rito". Di certo c'era il giorno, o forse certo non lo era nemmeno quello. Infatti non ricordo bene se si trattava del 14 o del 15 agosto, dovrei chiedere a mia nonna... è che io con i santi faccio confusione... forse era la notte di San Lorenzo, credo attorno al 10 agosto, perché quella era ed è la notte delle stelle cadenti.





Fatto sta che per tale occasione mia nonna radunava noi bambini sulla terrazza della sua baita di montagna e ci chiedeva di guardare con i nasini all'insù il cielo e di esprimere, nel caso avessimo avvistato una qualche stella cascante, un desiderio.




Eravamo io, il mio fratello gemello, mia sorella che ha cinque anni più di noi, e i nostri cugini calabro valtellinesi: Melissa e Gianluca, che da noi passavano qualche settimana, d'estate. E tutti e cinque, chi con più intensità e chi un po' meno, credevamo a quello che ci diceva nonna e per questo passavamo ore a perlustrare la volta stellata. Ma veniamo al mio "rito".


A dire la verità non era niente di che, ovvero consisteva nel fatto che io in tale occasione, in quegli anni, quella notte, esprimevo sempre lo stesso desiderio: andare a letto e svegliarmi il giorno dopo con la patatina in mezzo alle gambe invece che il pisellino.



La cosa sorprendente è che mi ricordo nitidamente, in mezzo a tanta nebbia, che io mi immaginavo tutto: come andavo a letto e come mi sarei risvegliato, ovvero una graziosa bambina con lunghi capelli castano chiaro raccolti in una coda di cavallo. E ricordo altrettanto nitidamente, a distanza di più o meno vent'anni, ancora la delusione che provavo quando mi svegliavo il giorno dopo e constatavo che il mio desiderio non era stato, neanche quell'anno, esaudito!

 

2
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 15/03/2015 06:52
    la nostra anima non riesce a scegliere il sesso che più gli conviene.. e le stelle del cielo continuano a cadere..
  • silvia leuzzi il 14/03/2015 19:19
    Tenerissimo questo tuo scritto esprimi con dolcezza una sofferenza che ti appartiene ma con la quale saggiamente hai trovato modo di convivere. Un abbraccio

4 commenti:

  • frivolous b. il 17/03/2015 07:49
    grazie! Siete tutti davvero carini!
  • eurofederico il 14/03/2015 21:28
    teneri ricordi di un sogno di bimbo!
  • frivolous b. il 14/03/2015 10:01
    grazieeeeeeeeeeeeeee... ne approfitto per scusarmi per il refuso... ovviamente da allora sono passati più di 10 anni!
  • lingualunga il 14/03/2015 09:58
    Purtroppo le stelle non esaudiscono sempre i nostri desideri, per fortuna che dopo cerchiamo sempre le alternative anche se certi desideri ci accompagnano sempre per tutta la vita. Bravo ottima stesura ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0