PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che è il punto, di chi è punto

Rimasi solo, solo anche con i miei pensieri, non capivo cosa era successo, mi passavano mille idee confuse, mi girava la testa, avrei voluto nascondermi, mi vergognavo di me stesso, speravo che tutto quello che era successo rimanesse un segreto fra me e lui, intanto mi rodevo dentro, non era rimorso tutto sommato mi era piaciuto, anche se ancora non capivo il significato.
A volte quando guardo una ragazza, mi soffermo a vedere come si veste, come si trucca, come si muove e penso che mi piacerebbe poterlo fare anch'io, ancheggiare come fanno loro, oppure mettermi il rossetto, mi ricordo che una volta che ero rimasto solo in casa, ho preso il rossetto di mia sorella e disegnai le mie labbra di rosso fuoco, mi guardavo allo specchio, ero bello con la matita disegnai una riga vicino gli occhi e dopo passai anche un colore azzurro e dopo ancora la cipria sul viso, ero diverso, sembravo donna, in quel momento ero innamorato di me stesso e baciai lo specchio.
Padre mi date l'assoluzione anche oggi perché il punto di tutto è in chi è punto da questa situazione a chi pensa che tutto questo sia frutto della mia fantasia si deve ricredere e ne rimangono sorpresi soprattutto i bigotti, che sono quelli punti di più.

 

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/03/2015 15:39
    AnonimoXU ha tirato la catena del cesso e si è suicidato senza successo proprio nel cesso sapendo che è fesso... ennesimo decesso, ennesimo insuccesso di un coglione seza nesso... ma invero un po' fesso... cercati una scimmia per fare l'amplesso, e sotterrati... ti metteremo un cipresso. Non dopo... adesso!!!
    p. s. aNONIMOXU ORA è ANONIMO A BASTA... SI è SUICIDATO
  • Anonimo il 15/03/2015 11:52
    Non potreste tu e il confessore risparmiarci queste indecenti menate?
    Ti regalo una Bolla papale con tanto di perdizione che assicura il pieno godimento della tua Lingua di coglione...

    Gira voce di un certo Pincherle,
    -s'è stancato degli indovinelli
    a quanto pare demenziali
    di un idiota senza gioielli-,
    che vorrebbe pigliare a sberle
    un Anonimo che scrive "perle"...
    perché dice che lui era QUALCUNO
    mentre quello è nulla e nessuno.
    E pare che Stan-lio e Ollio
    doppioni son pronti tornati
    due gemellini parolai non troppo
    malcelati... a pronunciare
    che son comici scoglionati.
    E Lingua accoglie i frustrati
    mostrando gli smunti coglioni,
    li lecca a fondo in perdizione
    senza richiedere assoluzione,
    svelto di mano e labbra impure
    a sucare i baldi fratacchioni
    lesto a sorbire avidamente
    il seme dei gonfi coglioni.
    Il servo di due padroni
    minaccia di fare un maciello
    perché vole esser solo
    a latrare nel bordello
    ma s'accuccia muto
    se gli menano il pisello.
    La mano è tremolante ma
    non ha preso un calmante,
    la vecchiarella si prodiga
    in una posa umiliante
    gongolando nella figa.

    Leccatevi lesti che se no
    vi sentite finocchi oppressi.

3 commenti:

  • lingualunga il 15/03/2015 14:44
    grazie Virginia sei fantastica un abbraccio.
  • virginia poggi il 15/03/2015 14:40
    ciao... sempre fedele, ormai lo sai! in attesa degli altri punti...
  • lingualunga il 15/03/2015 12:05
    Anonimo XU, tesoro mio te ne sei andato, avevo preparato per te un bel giaciglio colorato di marrone, mi dispaice non averti potuto assaggiare, lo so che la frusta ti piace ho una stanza per i nostri giochetti, basta che ti avvicini e ti prendo come ti piace di più vieni amore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0