PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cigni neri

Ink e Hunk si amavano alla follia. Ink e Hunk erano due bellissimi cigni neri. Ink e Hunk erano due bellissimi cigni neri entrambi di sesso maschile. Essi popolavano le acque e le rive del piccolo lago di Novate Mezzola ; bacino idrico che tempo fa, prima che la capricciosa Adda venisse regolata come tutta la piana alluvionale, che oggi viene chiamata "Pian di Spagna", faceva parte di un unico specchio d'acqua, il ben più celebre Lario o lago di Como che dir si voglia.




Ink e Hunk passavano allegre giornate a sguazzare nel lago valchiavennasco, a procacciarsi cibo, e come già detto ad amarsi, fino a che un bel giorno i due sentirono in petto come un vuoto, come un senso di incompletezza. E così iniziarono a pensare e a ripensare dove potesse mai nascere in loro quel sentirsi così fastidiosamente incompleti, fino quasi ad ammalarsi.




Questo fino a che lo sguardo appannato di Ink, un giorno, non si focalizzò su Daisy, una graziossima "cigna" nera, anche lei abitante del piccolo lago, da lì un'illuminazione lo fulminò. Con una nuova luce negli occhietti da cigno, rivolto al compagno di una vita disse: "Amore, non c'è più da preoccuparsi, ci penso io, lascia fare a me..." e Hunk non ebbe nemmeno il tempo di rispondere niente, che l'altro era già sceso in acqua e con buona lena si stava dirigendo verso quella smorfiosa di Daisy.





Ink che era timido e imbranato come pochi quando si metteva in testa un determinato obiettivo però si trasformava completamente, e così nel giro di poco, con un corteggiamento efficacissimo, Ink riuscì a conquistare il cuore della bella Daisy.




All'inizio di questa frequentazione Hunk era gelosissimo, ma poi gli passò. Sì ricordò infatti delle parole che il suo amato gli aveva "dedicato" prima di lasciarlo. Lo conosceva bene il suo Ink, e insomma sapeva che alla fine dei conti c'era da fidarsi.


12

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 17/03/2015 08:45
    Bellissimo... fa pensare all'adozione di figli da parte di coppie omosessuali.. e dunque incapaci di procreare uova per completare il loro amore.. cigni neri.. non credo..

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 17/03/2015 22:38
    Francy mi hai dato un'informazione su queste creature che non conoscevo, ripensandoci in natura succedono cose incredibili se pensiamo ai leoni marini che mangiano i cuccioli del branco del rivale vinto, per potersi accoppiare con le femmine. La natura hai ragione caro non si pone il problema se è giusto o sbagliato compiere un'azione. Un abbraccio grazie per l'informazione
  • frivolous b. il 17/03/2015 13:17
    oh, @Salvo grazie per lo spunto interessante@Silvia sai cos'è il bello di questa cosa che accade in natura tra i cigni neri omosex? È che tra loro e in loro non interviene quella "razionalità" umana che a noi fa direovera cigna, e che infame quello che gli ha rubato le uova. loro fanno così perchè per loro è naturale che sia così!
  • silvia leuzzi il 17/03/2015 12:57
    Allora carino è carino però io da femmina parteggio per la cigna e quello che gli ha portato via le uova... beh un po' infame ahahhahahhah ma l'amore a volte ha di codeste manifestazioni
  • Anonimo il 17/03/2015 11:50
    Cia Fra,
    il cigno nero, usato come metafora da Nassim Taleb, rappresenta l'improbabile che govern la nostra vita.
  • frivolous b. il 17/03/2015 09:27
    grazie Vincy... ne approfitto per dire che, anche se un po'da me romanzato, questo è quello che potrebbe succedere davvero in natura tra i cigni neri!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0