username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il Santo dei miracoli

Mammà mi fa na capa tanta e non la smette di ricordarmi che la devo portare a Roma. Dice, e si fa il segno della croce, che vuole vedere il Papa e il Vaticano prima che Dio la chiami a sé. È una santa donna molto religiosa che condanna le bestemmie e gli insulti alla religione e castiga me e mio fratello se bestemmiamo. Io e Domenico però non invochiamo il nome di Dio invano e ci ricordiamo dei comandamenti, ma succede che perdiamo la pazienza e ci scappa qualche parolaccia. Beh, comunque, mammà ora è diventata ossessiva e ha detto a tutto il vicinato che partirà alla volta di Roma per rispettare il voto che ha fatto alla Madonna di Pompei e a Sant'Ippolito. Io non conoscevo questo santo che qui non è noto, ma lei ripete sempre che la signora che ha incontrato al santuario le ha parlato bene di questo santo uomo.
-Chi è questa signora, mammà?- le ho chiesto un po' spazientito.
-Non me scuccià, te l'aggiu ritto tante vote.
-E me lo sono scordato, scusate assai. Me lo potete ripetere?
-Quand song ijut cu soreta a Maronna e' Pompei ci stava seduta 'ncoppa a' mia panca na' femmena anzian tutta vistut e' niuro, ca me pareva a Maronn Addolorata. Me domandò e' farle posto ed io l'accontentai pecché era stanca e afflitta. Essa parlav cu nu' accent strano e fu soreta ca capì e' parole. Ma poi ci simme capite e a' discussion continuò aropp a' messa into sagrat ra' chiesa.
-E voi, mammà, me avevat ritt tuttè ste cose? Ma facitim u piaciri! E poi ca' successe?
- Era venuta in pellegrinaggio alla Madonna di Pompei perché aveva fatto un voto- è intervenuta mia sorella- Sapeva che la Maronna era miracolosa assai, ma disse che a Roma c'era il santo della sua parrocchia di nome Sant'Ippolito, un santo molto portentoso che faceva miracoli a quelli che avevano perso l'uso della parola.
-Eh quante storie, mammà, e voi c'avvit creruto? Non vi bastan e' santi ca ci sunnu accà?
-Chiud sta vucca e nun essere sfacciat cu mè!
-E chi è sta signura, mammà? Me lo volete dire o è un segreto?
-S chiama Mariolin Ippoliti o... non me o' ricord chiù.
-Mammà, si chiama Mariolina D'Ippolito- è intervenuta ancora mia sorella dalla cucina.
-Che brutta memoria ca' tengo! Eccò, è comm ha ritt soreta. Bravà a mammà!
-E allora sta storia come è andata avanti? Sant'Ippolito è meglio ra Maronn e' Pompei?
-Screanzato! Nun dicere sti cosi! È nu' santo bravò assai e io o voglio conoscere.
-Mammà, ca' vulite conoscere? Statevenn a casa vostra ca sto santo si potrebb scucciàr assai!
-La signòr Mariolin D'Ippolit me ha invitat a Roma ppe a' festa ra' sua parrocchia a... Villa Massimo, ed io teng accettato. Vogliò chieder a' grazia ppe ziatà Carolina ca' nun parlà cchiù ra quann ha avuto l'icttus.

12

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Stanislao Mounlisky il 30/03/2015 19:59
    Simpaticamente tratteggiati i personaggi -mitica la madre!- di questo racconto dove il vernacolo è un valore aggiunto.
    Lettura vivamente consigliata!

2 commenti:

  • antonina il 03/05/2015 16:49
    scene di vita reale, bel racconto, simpatico. Complimenti!
  • Carmine Impagnatiello il 02/04/2015 13:34
    Siete gentile, grazie, mammà sarà contenta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0