PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bioanalizzatore

Harvey fu svegliato dal bioanalizzatore alle 7, con una dolce musica classica, ne era impostata una per ogni giorno della settimana, quella la amava particolarmente, anche se non ricordava chi fosse l'autore, non era scritto nel bioanalizzatore.
Sua moglie era già sveglia, il bioanalizzatore l'aveva svegliata 30 minuti prima, cosicché potesse preparare la colazione al marito e al figlio.
Andrew, si sarebbe svegliato a minuti, il bioanalizzatore aveva reimpostato un allegra canzone di un cartone particolarmente in voga al momento, dopodiché sarebbe variata con la sua crescita accompagnandolo gradualmente.
"Tutto in regola Harvey" La voce femminile del bioanalizzatore era piacevolissima, ricordava quella delle antiche addette ai call-center;aveva visto un video nel museo nazionale, e la cosa l'aveva fatto sorridere.
"Già"Chissà come si sarebbe comportato se avesse scoperto qualche variazione non gradita, di solito era tutto in regola, anche se osservando la proiezione sul muro, aveva notata un incremento della "PAURA" niente di cui preoccuparsi seriamente era solo uno 0. 25% , era ancora lontano da valori critici;il resto era nella norma, nessuna variazione, la televisione diceva che solitamente la paura e l'eccitazione aumentassero congiuntamente, non doveva preoccuparsi il bioanalizzatore l'avrebbe aiutato ad abbassare quello 0. 25%.
Arrivo anche il bambino in tavola, uno splendido ometto biondo di otto anni.
Il bioanalizzatore aveva programmato per tutta la famiglia la dieta più adeguata da seguire, seguendo i dati che riceveva mensilmente dal chip presente su ogni soggetto.
Era nella spaziosa cucina, la casa era moderna, bianca, classificata di tipo A1, il migliore dopo quelle speciali;aveva un vasto giardino che una volta a settimana veniva usato per un barbecue con i vicini.
"Andrew, vagone"Seguito da un leggerissimo allarme, svegliò di colpo il bambino, che si diresse verso il bagno;il primo allarme avvisava il bambino di affrettarsi, il secondo era impostato a 2 minuti di attesa dal macchinario.
Harvey si affacciò sulla finestra, eccolo lì il vagone elettrico pieni di ometti sghignazzanti.
Molto spesso Harvey si affaticava a pensare a quanto poteva essere terrificante la vita nel passato, con tutti quegli oggetti che sporcavano le strade con il loro carburante, tutto il traffico, il caos, i pericoli! Si doveva essere stato davvero un periodo terrificante.
"Stasera dovremmo andare al cinema, il bioanalizzatore ci ha consigliato un film che si adatterebbe perfettamente ai nostri gusti "
"Vedremo"
Era la prima volta che rispondeva in questo modo, aveva gli occhi spenti, Sara notava sempre se qualcosa non andava, anche se lui non gli rivelava i dati reali del suo bioanalizzatore.
"Il Bioanalizzatore mi ha riferito un aumento di 0. 25% della paura, ma io mi sento benissimo, forse e che sto invecchiando"

123

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/04/2015 18:29
    Prendo a caso una frase:
    Andrew, si sarebbe svegliato a minuti, il bioanalizzatore aveva reimpostato un allegra canzone di un cartone particolarmente in voga al momento, dopodiché sarebbe variata con la sua crescita accompagnandolo gradualmente.
    ... ci sono due errori: dopo Andrew, soggetto, la virgola non si può mettere, tassativamente ed inoltre canzone è femminile quindi un'allegra canzone... c'è poi da dire che tutto il periodo è mal posto... se le interessa potrei farle vedere come doveva impostarlo, ma mi sa che lei non abbia desiderio di imparare.. o sbaglio?...è possibile che mi sbagli, certo. Un saluto.

1 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 12/04/2015 21:48
    Anche questo più che fantastico è un racconto surreale. Bello lo spunto ideativo. Da rileggere e correggere... fatti coraggio!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0