PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo Spettacolo

Ero sul terrazzo del mio palazzo, un condomino di sei piani, in lontananza scorsi una persona sporta forse pronta per buttarsi di sotto.
Avvicinandomi vidi che era una ragazza e con voce dolce ma alta per farmi sentire dissi "Ciao cara" aspettando che girasse i suoi occhi che guardavano la vita lontana sei piani, la strada che ospitava tra le sue strisce le auto di passaggio per quella via, i larghi marciapiedi usati dai bambini come campi da calcio o piste per le biciclette e dagli adulti come parcheggi per gli scooter. I suoi occhi fissavano quell'asfalto duro che sarebbe stato il suo omicida.
Per attirare la sua attenzione gridai un freddo "Scusa" e lei si girò verso di me e mi rispose "Che cosa vuoi da me?" aggressivamente come se fossi uno dei tanti che cerca qualche favore.
Avvicinandomi con passo molto lento iniziai a parlare quasi spaventato dal suo possibile gesto "Senti, io da te non voglio niente, non m'è mai capitato di vedere una persona sporta così tanto e mi dispiacerebbe se tu cadessi anche per sbaglio perché penso che non ci sarebbero molte possibilità di salvezza; ma perché sei arrivata a voler tentare questo gesto, a guardare di fronte alla tua morte? Cosa t'è successo, cosa t'hanno fatto?"
Dopo un piccolo sogghigno mi rispose "Non mi conosci nemmeno eppure ti dispiace per me, sei il solito bugiardo, come tutta l'umanità che si scorgerebbe dal monte più alto del mondo e non mi dire che siamo umani e siamo tutti fratelli perché lo sai che non è vero e saresti ancor più bugiardo perché l'uomo è fatto per amare il proprio fratello e poi ucciderlo per i propri interessi, se non mi buttassi la darei vinta a te, tu diventeresti l'eroe ed io la pazza depressa da tenere sotto controllo."
"Cara, io non sono d'accordo, sicuramente avrai trovato tanti finti uomini che cercano di difendere la loro persona disprezzando gli altri oppure uomini che senza difese continuano a lamentarsi di questo mondo trovando solo aspetti negativi della loro vita senza alzare gli occhi al sole che è magnifico e che riscalda e fa sudare le nostre fronti. Gli uomini di cui parli tu io le considero bestie, come animali che nascono e vivono per portare avanti la specie, ognuno di noi ha scopi diversi nella propria vita, non solo quello di fare figli ed educarli a fare altri figli, molte persone non trovano lo scopo della loro vita e diventano persone comuni: le bestie."
"Stai insultando la gente comune, vuoi dire che io, che mi trovo su questo parapetto, sono una bestia perché non ho trovato il mio scopo, perché non sto inseguendo i miei sogni. Tu non mi stai aiutando, cerchi di infatuarmi con le tue chiacchiere per convincermi ad inseguire lo scopo della mia vita e quindi per scendere da questo muretto e per prenderti il merito della mia salvezza e dopo trattarmi come una pazza isterica alla ricerca di qualcosa di impossibile. Tu non vuoi aiutarmi proprio per niente, tu sei solo un bugiardo, non sei interessato a ciò che mi è successo."
"Cara, io non sono bugiardo, starei male se ad un tratto ti buttassi da quel muretto perché sei umana come me quindi potrei considerarti come mia sorella ed io a mia sorella cerco di aiutarla in tutte le maniere quando ha bisogno di me e viceversa, i fratelli son fatti per aiutarsi l'un l'altro senza aspettarsi nulla in cambio e credimi perché io ho sia un fratello che una sorella. Puoi dirmi per piacere perché sei lì? Sono interessato alla tua storia e con me puoi tranquillamente sfogarti perché se vuoi dirmi i tuoi segreti stai certa che con me rimangono tali."

123

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/04/2015 19:17
    Buona l'idea, e c'è pure un certo pathos... ma la forma santo dio, la forma... la punteggiatura rovina tutto... se le interessa potrei fare degli esempi, ce n'è a bizzeffe. Un saluto.
    P. S. il finale sembra tronco, in effetti, ma ci può stare.

2 commenti:

  • Ettore Smith il 13/04/2015 17:46
    Stanislao, Il racconto finisce cosi, non so perché ci sono 3 pagine, ma il racconto finisce alla pagina 2
  • Stanislao Mounlisky il 12/04/2015 21:24
    Manca la parte finale del racconto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0