PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando la psicologia è al servizio della famiglia

(La mia esperienza psicoterapeutica per una paternità consapevole)

Può succedere che un papà sia presente nella vita del figlio con ferma discrezione, che non punisca gli errori, che gli accordi una benevola fiducia e che si dimentichi le impuntature, ma ciononostante questo figlio non dia alcun segnale di ravvedimento.
Deve esserci qualche motivazione se le cose desiderate non accadono: il destino sfavorevole? Qualche errore di troppo protratto nel tempo? Ma ho la sensazione che il curriculum educativo si fa sul campo e le sconfitte di oggi, forse un giorno diventeranno successi.
Quando guardo il volto di mio figlio, noto la sua somiglianza con i miei lineamenti, il suo modo di scherzare è simile al mio; una parte di me è in lui ma è la parte originale a renderlo unico ed è quella che mi fa soffrire, fino a farmelo percepire talvolta come un "estraneo".
Un anno di psicoterapia alle spalle, qualche semplice pubblicazione letta, una manciata di partecipazioni a convegni sull'adolescenza, sono bastati a darmi la conferma che in educazione non esistono scorciatoie, anzi ogni volta che se ne pratica una, si distrugge tutto quello che si è lentamente e faticosamente costruito.
Durante gli incontri con la dottoressa che mi segue, le chiedevo come avrei dovuto comportarmi e cosa avrei dovuto dire nelle situazioni critiche e decisive, perché il mio comportamento fosse calzante e coerente con il mio ruolo.
Pensavo che ci fosse un modo "illuminato" giusto ed equilibrato per comunicare, non immaginavo che esistesse un criterio funzionale che rispettasse i sentimenti e le regole.
Un buon genitore dovrebbe garantire l'affetto, l'attenzione, la cura, ma altresì dovrebbe trasmettere ai figli l'amore ed il rispetto per le buone regole e anticipare i possibili rischi che comportamenti e scelte avventate o superficiali potrebbero generare.
"Essere genitori affettivi e protettivi" questa è la buona norma. Ma in educazione non esistono ricette fisse da applicare in ogni situazione, né risultati garantiti o automatismi che compensino le rinunce, gli eccessi e gli errori.
La realtà è permeabile e la casualità è un elemento che spesso non viene valutato a dovere, dal momento che mettiamo al primo posto i nostri desideri, le realizzazioni che riusciamo a portare a termine e sopravvalutiamo la possibilità di modificare la realtà circostante, senza però esserne capaci.
Leggendo il Pinocchio di Collodi si nota chiaramente come il peso dell'imprevedibilità muta le circostanze: ". . . C'era una volta un pezzo di legno. Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d'inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze. Non so come andasse, ma il fatto gli è che un bel giorno questo pezzo di legno capitò nella bottega di un vecchio falegname. . ."
Strano a dirsi, ma le cose capitano, ci piombano addosso! E a quel punto dobbiamo prendere atto di ciò che succede e attrezzarci per vivere in modo appropriato al nuovo che sopraggiunge. Ma il nuovo può non essere come noi ce lo aspettavamo, può non piacerci!

12

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 03/05/2015 21:17
    Una narrazione fluida che tocca un vissuto tra i più difficili: essere genitore. Complimenti e auguri

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0