accedi   |   crea nuovo account

Vivere... che lavoro!

Tanto intenti a cercare di soddisfare le necessità materiali nostre e di coloro a cui teniamo, che ci rimane davvero tempo per appagare le nostre ambizioni? o quantomeno iniziare ad imboccare il sentiero che ci poterà a guardare chiaramente i nostri desideri?
I nostri desideri... cosa vogliamo davvero?
L'unica moneta che davvero conta e che ci viene continuamente sottratta, il tempo, ha cominciato da un po' a portarmi a chiedere se davvero questa felicità esista, o se già solo per il fatto che ce lo si domanda, questo non fa nient'altro che spingercela più lontano.
Che la felicità sia solo un costrutto dunque, un'idealizzazione che deve solo nascere nella mente senza esserne manipolata per poter vivere e prendere corpo, realizzarsi.
Certo, d'istinto verrebbe da affermare: "Quanti paroloni, quante seghe mentali" a volte come tutti sono portato a pensarlo, del resto basta star bene di salute noi, i nostri cari, i nostri amici e conoscenti, già riuscire ad ottenere questo dono il più a lungo possibile nella vita dovrebbe bastare per farci ammettere di aver tagliato questo arduo traguardo, aver finalmente sfamato l'insaziabile belva della soddisfazione/felicità.
Riducendo questa considerazione sul piano personale, ultimamente posso ammettere che è assai più facile trovare pace: da poco una nuova sfida fisica mi si è parata davanti... Artrosi all'anca. Da una certa prospettiva la comparsa di certi nemici personali sono una benedizioni, uccidendo dannose astrazioni e concentrando le energie su ciò che pretende e merita più attenzione.
Si, tutto avrebbe anche diritto d'essere visto nel suo insieme, una visione a grand angolo del panorama più ampio: il motivo principe della nostra esistenza, diverso per ognuno di noi, che dovrebbe trainarci e guidarci, noi, povere formiche smarrite.
Ognuno di noi, questo il verbo sostenuto da molti credo, se volessimo considerarci come specie, dovrebbe combattere le forze del male votate alla distruzione, ognuno con i propri mezzi e doni naturali per cercare di conseguire la più alta forma di bene concepibile: l'armonia del genere umano.
Ora, quest'ultimo paragrafo mi sembra davvero un sunto dei più bei libri di favole. Ovviamente a uno come me che si è sempre riconosciuto nel termine idealista, certo farei di tutto per riuscire a vedere l'alba di quel giorno. Purtroppo però mi rivedo anche nella parola realista, che tristemente si contrappone alla precedente. Perché sono convinto non solo per scelta ma anche per necessità l'uomo si vede costretto, soffocato, oppresso nel vedersi come singolo, o quantomeno non più grande dell'unità famigliare. Piccoli branchi che affrontano la propria quotidianità, gioie e avversità per sopravvivere nella personalizzata versione di giungla urbana. Certo come risultato in parte accidentale in parte volontario di tutto ciò ne deriva anche il caos/benessere collettivo, ma ripeto questo deve essere vita come conseguenza accidentale, in quanto risultanza delle singole necessità-volontà individuali. È proprio a questo punto che mi viene da soffermarmi su uno dei concetti a mio parere più paradossali della società economica moderna: la vita lavorativa.
Ben inteso, sono ben consapevole e favorevole che ogni apina o formica dia il proprio personale contributo all'andamento dell'alveare o formicaio che sia, anche se questo alla fine dovesse rivelarsi più realisticamente il piccolo branco di lupi di cui sopra. Bene, anzi male, il paradosso esistenziale a cui accennavo prima è tristemente noto a tutti o quasi: lavoriamo per procurarci i mezzi economici indispensabili per una vita onesta nel rispetto delle libertà altrui, (sempre il nostro io sia proteso in quella direzione) , e quella vita per cui lottiamo e ci sacrifichiamo viene costantemente e metodicamente prosciugata proprio di quel liquido essenziale per la cui difesa tanto ci danniamo: IL TEMPO.

12

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 18/05/2015 07:12
    Il lavoro che succhia linfa vitale all'uomo, in cambio di un salario o di uno stipendio che spesso non è altro che una battuta di spirito: ottocento euro o mille euro. Sarebbe necessaria una politica economica in grado di ridurre le ore e aumentare il salario... se solo non ci fossero i mangioni, gli arraffatutto che stanno ai vertici, la redistribuzione delle risorse sarebbe più equa e tutti sarebbero un po' più felici... ma questa si chiama utopia.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0