PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incontri notturni

Arrivo a casa tardi, di notte. Appoggio la bicicletta sotto alla tettoia e cammino verso la fattoria.
É un'umida notte di agosto. La luna alta nel cielo illumina il cortile vuoto, disegna ombre storte e dentate sul terreno. Alla mia destra oltre il pollaio e i cespugli di serenelle, si stende il vigneto, ondulato sotto alla luna. Tutto è immobile e silenzioso.
Ma là in fondo qualcosa si muove di sfuggita. Mi fermo e ritorno indietro.
Vedo una forma vaga, biancastra, in lontananza. Che cosa può essere? Un riflesso delle foglie? Un ramo nudo?...
Sono stanco e devo andare a dormire. Apro la stretta porta di ferro ed entro nella saletta. Senza fare rumore salgo di sopra, mi spoglio e mi sistemo a letto.
I ricordi della sera passano nella mia mente. La musica delle chitarre, il ballo con la ragazza, i lunghi baci... E la macchia bianca nel vigneto, che cosa sarà stata?
Mi sento agitato. Mi giro nel letto senza riuscire a prendere sonno. Ho fatto male a non andare a controllare. Dopo un po' mi alzo, mi rivesto e scendo giù.
Rivedo il cortile deserto, allagato di luna. La notte d'estate sembra diventata più fredda.
Come arrivo all'inizio del vigneto vedo che è ancora là. É una forma bianca e nera proprio all'incrocio di due filari di viti. Sembra un uomo con un mantello.
Innervosito mi incammino di buon passo. Il terreno è ondulato fatto di discese e salite. L'erba alta bagnata di rugiada mi rallenta l'andatura. Ho fatto male a non portare i cani con me. Dove saranno i due cani adesso? Perché questa notte non mi sono venuti incontro come le altre volte? Forse staranno dando la caccia a una talpa nei campi.
Quando arrivo a metà sento un suono strano provenire dal fondo del vigneto. Sembra un lamento, debole, intermittente.
Mi fermo per tentare di capire di cosa si tratta. Appoggiato al casotto dell'irrigazione c'è il manico di una vecchia zappa. Lo impugno forte e riprendo ad avanzare. Almeno adesso ho qualcosa per difendermi.
C'è una strana tensione intorno. La vita sembra sospesa. Tutto è statico, immobile. Nel silenzio assoluto sento solo i tonfi del cuore e un fastidioso fischio alle orecchie.
La forma bianca sembra un lenzuolo che galleggia nell'aria. Adesso è troppo tardi per tornare indietro. Devo sapere di cosa si tratta!
Man mano che mi avvicino la vedo sempre meglio e più grande. Una forma bianca, mobilissima, percorsa da ombre nere.
Il mio stupore aumenta e incomincio ad avere paura. Ogni passo che avanzo mi costa sempre maggior fatica. Finalmente mi fermo, come davanti a un abisso.
Non è una cosa di questo mondo. E adesso ne sono sicuro.
La cosa si sposta verso sinistra, ondeggia un poco verso di me, attraversa i fusti contorti delle viti... Resto a guardare con gli occhi spalancati. Percorre alcuni metri e all'improvviso... scompare.
Ho i nervi tesi, lo sguardo fisso verso il punto dove si trovava. Sto tremando e il sudore mi scorre giù lungo il corpo. Respiro come se mi mancasse l'aria.

12

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/02/2013 09:28
    ... molto particolare
    e suggestivo,
    veri complimenti...

4 commenti:

  • Philip Burns il 06/07/2010 23:53
    io ci vede poco di horror. ok suscite una puntina di timore, ma mi sa più di occulto che di terrore
  • Fabrizio Carollo il 17/04/2009 00:36
    wow! un racconto fuori dalle righe. sono contento di averlo letto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0