accedi   |   crea nuovo account

Una porta sul cortile

Avevo studiato fino a tardi quella notte ed il sonno mi aveva colto all'improvviso. Urtai con un piede i libri abbandonati sul letto e fu proprio quello che mi fece aprire gli occhi, ormai era mattino. Era il 6 giugno e nell'aria si sentiva quella calura di primavera inoltrata, anche se un vento forte e asciutto faceva ondeggiare i grossi rami del ficus, unico albero che si vedeva dalla mia finestra. Il ficus apparteneva al cortile interno del palazzo in cui abitavo, aveva tronco e radici possenti che spuntavano sul pavimento formando quasi una raggiera, non vi era altro in quello spazio circolare a parte le riserve d'acqua che alimentavano gli appartamenti nei momenti di siccità estiva; neppure i gatti avevano piacere di circolare in quel luogo perché , si diceva, i topi erano talmente grossi e quindi terreno di caccia particolarmente difficile. Il mio appartamento era costituito da una cucina, un bagno, una grande camera da letto che dividevo con una delle mie sorelle, con porta che s'apriva direttamente nel cortile. Prendere il sole in quello spazio significava vedere un fazzoletto di cielo, piccolo, azzurro, ma sempre rassicurante, che si spostava con qualche nuvola al seguito, trascinando con sé voci e rumori provenienti dalla vicina strada. Sono le otto, per me è già tardi! Con una falcata mi precipito alla porta e la spalanco; un'ape sfreccia davanti ai miei occhi, poi, ronzando, vola in picchiata in cortile.. meno male! Sono sola in casa, mia sorella è andata a lezione e il palazzo, a quest'ora, è semi deserto. Devo studiare e mentalmente, seduta al tavolo di studio, dopo aver appoggiato i libri sul petto e essermi coperta il volto con le mani, cerco di ripassare la lezione della notte precedente. Improvvisamente apro gli occhi e volgo lo sguardo verso la porta aperta della mia camera e scorgo, con grande sorpresa, un animale che lentamente s'affaccia, peraltro guardingo, noncurante di non aver chiesto il permesso.. Ma è mostruoso! è grande quanto un gatto! muso lungo che torce ora a desta ora a sinistra, lunghe vibrisse ai lati del naso, occhi inespressivi.. coda tubolare, lunga mezzo metro, veramente impressionante. Mi viene incontro mentre immobile tento di riprendermi dallo spavento.. ma è solo una frazione di secondo, perché mi ritrovo in piedi sul letto in preda al terrore più nero. Questo non è un animale, è un mostro simile a quelli che avevo visto alcuni anni fa nel famoso film" Assalto alla terra" del genere Horror Movie. Ma la bestia viene verso di me ed io mi precipito in cucina e per paura che s'attacchi alle caviglie, salto letteralmente sul tavolo." Mio Dio, fai che esca! se mi afferra alle carotidi mi manda dritta al Creatore, come ha fatto con un bambino in culla, attratto dall'odore del latte.. ed io ho appena fatto colazione!.." Intanto dal cassetto del tavolo prendo un coltello e mi armo. . una pattadese dalla lunga lama. Il topo di fogna s'infila dietro il frigo e abbandona in bella mostra la lunga, orribile coda.. per provocarmi..!
"T'avviso, se sali bestia sarà una mattanza! " penso a voce alta..
Cerco invano di stare calma; aspetto le sue mosse e contemporaneamente piango. . Piango. Si, piango, perché sono disperata. . non ho telefono, il palazzo è vuoto e anche se grido aiuto, nessuno può sentirmi... Ma urlo e grido aiuto, grido e rigrido ma nulla si modifica in questa mattinata scellerata. Il topo di fogna si muove, viene verso di me. Lancio un urlo: "Aiutatemi!". Vi sembrerà da codardi urlare in questo modo, ma io ho conosciuto solamente povere bestioline di campagna, simpatiche e inoffensive, mai ho visto bestie schifose così grandi e pericolose, aggressive e portatrici di malattie, come si diceva in giro.. Altro che amare gli animali come fratelli, non voglio avere con questa bestia nessun rapporto di parentela! Certamente anche il topo, visto il modo in cui insistentemente mi osserva, dal canto suo avrà da ridire, immagino cosa puo' pensare: "Non hai lasciato neppure una briciola dietro il frigo, avara, taccagna! Non provocarmi con quel coltello, perché se ti salto addosso ti assottiglio le caviglie e ti disidrato il collo.. Mio cugino mi aveva avvertito di raggiungerlo in India. dicendomi che i sardi non danno da mangiare, mentre da loro c'è sempre cibo.. Ma guarda un po' questa deficiente che si permette anche di spaventarmi con un coltello!" . Intanto passano le ore e la tensione non diminuisce. Improvvisamente sento dei passi sul pianerottolo, ecco! Forse è mia sorella che arriva. Un giro di chiave e lei è già in casa..

12

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • antonina il 01/06/2015 10:36
    Ciao Stan, mi piace la tua affermazione e su questa si potrebbe parlare per ore.. siamo spinti ad accettare il bello e il fragile. Le creature, compreso l'uomo, con le quali il Creatore non è stato generoso, rimangono ai margini, vengono rifiutate, derise.
  • Stanislao Mounlisky il 01/06/2015 08:21
    Ci sono creature con le quali il Creatore non è stato generoso... o forse sì... loro sopravviverebbero a un disastro nucleare!
    Ottimo racconto pieno di pathos! Stan
  • antonina il 01/06/2015 06:59
    Ah! ah! Duliamo... essere muscolosi e atletici con il pc non paga, però con la tua altezza arrivi dovunque.. tocchi il cielo con un dito, io purtroppo devo usare la scala! Kalimera, mi stai contagiando..
  • Anonimo il 31/05/2015 19:52
    cavoli, che svista... ribrezzo... scusa tanto antonina, z ed s sono lì vicine... poi angioletti... la tastiera l'ho massacrata, ho le dita grosse come cotechini... a volte ne piglio anche tre di tasti... povero me! kalinicta.
  • Anonimo il 31/05/2015 12:32
    Una pantegana... fanno impressione, non c'è che dire... anche a me fanno ribresso, quelli di campagna sono angioltti, al confronto.
    Ma veniamo al racconto... anche con un argomento poco piacevoile sei riuscita nell'intento che per ogni scrittore è il fine ultimo: generare pathos, emozione, coinvolgimento. Ed è questo che conta... Kalimera.
  • Ellebi il 31/05/2015 12:20
    Naturalmente scherzavo, si trattava di un "topone" più che di un topastro, anche a me fanno paura topi e serpi. Un saluto
  • antonina il 31/05/2015 06:12
    Ciao Ellebi, si trattava di una "Pantegana". Certamente non superava il kg di peso.. ma la paura ti porta a ingrandire ogni cosa.. misero topastro non direi! A me personalmente fanno ribrezzo.. il giorno ho avuto veramente paura.. forse perché ero molto giovane...
  • Ellebi il 31/05/2015 00:45
    Hei, che mi volete raccontare, non esistono topi da tre Kg, sarà stata una lontra, un castoro o qualcosa del genere, non certo un misero topastro... un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0