accedi   |   crea nuovo account

Sono nato laddove muoiono i sogni

Sono nato laddove muoiono i sogni.
Un mutuo, una moglie, un lavoro che ci permette di arrivare a fine mese a malapena, la sera al bar. Può essere questo un sogno? Sì. Dalle mie parti si. Sono nato dove nè si muore di fame, nè ci sono soldi per concedersi lussi particolari. I nostri genitori non sono avvocati, dottori, commercialisti, ma impiegati qualsiasi, con uno stipendio più che decente ma niente di più. Non ci comprano la macchina per il compleanno. Non hanno in mano il nuovo cellulare da regalarci il giorno del nostro diploma. Sono nato laddove i sogni muoiono. Sono nato dove la società ha fatto una strage delle nostre speranze e ambizioni. Con il fatto di abitare in case decenti, arredate, di non avere problemi con debiti particolarmente elevati, dove gli stipendi bastano, a volte appena per comprarsi il necessario ma bastano. Sono nato nella mediocrità, nella quale la gente è felice di vivere. Non ci si può lamentare, non siamo nè i peggiori, nè i migliori. Dal nostro scalino nella grande scalinata sociale possiamo compatire quelli che se ne stanno più in basso, e guardare con sdegno quelli che sono più sopra. La paura di provare a salire uno scalino, la paura di scivolare e finire più in basso ci fa stare fermi dove siamo, saldi, per ogni sera poi ringraziare di essere ancora al nostro posto. I miei amici sognano un mutuo, uno stipendio, un bar nel quale passare serate di noia, basta. A mio modesto parere è un sogno di tutto rispetto. La colpa del fatto che questo sia un sogno è della società, dello Stato. Ti fanno credere che basti un nonulla per finire in basso, ti bisbigliano di non rischiare, non ne varrebbe la pena. E così colpiscono nel segno. Ringrazi di dove sei, del fatto che non fai la fame, ma di ogni mese riuscire a scamparla, a essere salvo, il non essere inghittito dalla grande bocca della povertà ci rende ogni sera ingenuamente sereni.
Sono nato laddove muoiono i sogni.

V. G.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 23/06/2015 06:33
    Vivere nel mezzo, né troppo poveri ma neanche ricchi. Nel mezzo, comunque, c'è un universo, una folla, un popolo. I sogni, si sa, nascono e muoiono anche se si realizzano. L'importante è sognare.

2 commenti:

  • Anonimo il 22/06/2015 18:59
    Ma dove sei nato, a Milano per caso?... il testo è buono, originale, ben scritto... io ho abitato in quei posti dove i sogni muoiono, eppure che ti devo dire, li ho combattuti questi sogni morti, li ho resuscitati e non mi sono adeguato... niente religioni, niente partiti, anarchia pura ( la vera politica... il resto è partitismo) e poi avanti con la barra dritta, anche se le onde vengono di prua... basta saperle tagliare. Ti sei spiegato bene, lo scritto è pure buono ma io non ci credo che il vostro sogno è un bar dove passare serate di noia.
    Vi siete fatti convincere che quello è un sogno... il sogno invece è un luogo a due passi dall'utopia, e se non lo raggiungi avvicini il tiro, ti porti a quattro passi, a un chilometro, fin che lo vedi e lo centri ( non è una mia filosofia, è di un filosofo moderno francese, ma è molto buona... io ho pubblicato un testo qui, non ricordo il titolo, ma se vuoi te lo cerco... devi leggerlo... il nick non è duliamo però...è un altro)
    Fammi sapere se ti interessa... non eclissarti, dialoga cazzo, altrimenti ci credo che ti spianano i sogni! kalispera.
  • Stanislao Mounlisky il 22/06/2015 16:44
    Un testo duro, lucido, tagliente e sottile come un foglio di carta. È raro tagliarsi con un foglio di carta ma capita e fa molto male.
    Così è questo scritto, insolito e doloroso.
    Bravissimo
    Ciao. Stan

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0