username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Kim e Borg

Dopo la laurea Kim, come molti connazionali, aveva deciso di fare un viaggio in Inghilterra alla ricerca delle sue radici. Era una neozelandese di ventitrè anni, molto bella: alta e proporzionata, aveva i colori chiari del padre nei capelli e negli occhi e una pelle dorata tutto l'anno, ereditata dalla madre che aveva ascendenti maori.
A Londra si fermò quanto bastava per assaporarne l'atmosfera e per riallacciare i rapporti con alcuni parenti semisconosciuti poi, come una rondine, decise di migrare perché attratta dalle meraviglie della vecchia Europa. Parigi, Amsterdam, Berlino, Praga: viaggiava in autostop e si manteneva facendo la sguattera o la cameriera grazie alla conoscenza delle lingue. Era una turista "mordi e fuggi", spendeva i pochi soldi per gli ostelli e i musei, era perennemente affamata ma aveva la forza e l'entusiasmo della gioventù.
Fu a Vienna che conobbe mio fratello Raf. Lui era lì per un importante raduno della Harley-Davidson. I due simpatizzarono: Kim fu affascinata dalla prestanza fisica, dalla simpatia e dall'affabilità di questo bruno centauro italiano ("un metro e novanta... pensa che io gli italiani li immaginavo tutti piccoletti!") e per lui si prese quel che si definisce una bella cotta, ma Raf, reduce da una storia importante finita male, era disponibile solo ed esclusivamente come amico. Le pagò qualche colazione e qualche cena e, quando venne il momento di ripartire, le stampò due bacioni sulle guance e le raccomandò: "Se passi da Roma vieni a salutarmi: mia madre cucina da dio!"
(segue)

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/07/2015 12:47
    Eh no... mordi e fuggi anche in letteratura... non farà la fine della storia della nonna questo racconto?... a parte il fatto che io non riesco ormai che a scrivere commenti, quindi zitto Duliamo, però dai, troppo interessante questa storia... allora attendiamo Borg, come dice Glauco... ma quel Borg?... kalimera.
  • Glauco Ballantini il 03/07/2015 07:24
    Aspettando... Borg...

5 commenti:

  • Anonimo il 03/07/2015 16:53
    Redazia... per favore, non fate come con Duliamo... pubblicate Stan...è un bravo ragazzo... da noi si dice gnaro... ahahahah... kalispera
  • Stanislao Mounlisky il 03/07/2015 16:05
    Grazie, carissimi! Ho postato or ora la seconda parte. Sono curioso di vedere se ci vorranno quattro giorni per la pubblicazione, come pe la prima... Stan
  • antonina il 03/07/2015 15:25
    aspetto con ansia l'arrivo a Roma.. scusa.. volevo dire il seguito... ciao Stan.. a presto
  • Anonimo il 03/07/2015 12:25
    Quindi... si attende il resto!
  • Marysol il 03/07/2015 07:40
    Finalmente Stan, di nuovo prolifico...
    Attendo il seguito...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0