accedi   |   crea nuovo account

Al di qua degli ochi - stralcio

...

Spero che Sandra mi prepari qualcosa da mangiare, qualcosa di leggero come ha detto il medico; purché mi piaccia e mi faccia sparire questo sapor di lingua che mi da la nausea.

Ma Sandra non si è neppure fatta vedere. Forse non sa che sto male; intanto io me ne sto qui buona- buona e rilassata; ora che il grande freddo è passato e non tremo più.

Il termometro, dov'è il termometro? Ah, è qui nel cassetto del tavolino; dovrò tenerlo in bocca per almeno cinque minuti.

Quarantuuuuunoooo??? Mioddio, ma io forse sto morendo e nessuno me lo dice! Sono forse già morta? Ma non vedo la lunga galleria buia che finisce in fondo nella grande luce. Che stupida, quella è riservata ai pochi fortunati che probabilmente sono destinati ad andare direttamente in Paradiso. E se fossi davvero già morta? In questo caso non avrei potuto leggere il termometro. No, non lo sono ancora; quasi, però! Se non si sbrigano a vincere questi benedetti antibiotici finiranno per avere la meglio i batteri del virus micidiale.

Sandra mi ha lasciato il risotto con una bella manciata di parmigiano. Ha pensato che dormissi e se n'è andata subito. Il risotto mi attira, ma forse non lo posso mangiare con la febbre a quarantuno gradi.

Poveretta, non lo sa ancora che sono malata; quando lo saprà si metterà ad urlare come al solito, rimproverandomi la negligenza per tutto ciò che riguarda la mia salute.

A suo parere dovrei vivere di pesce, insalata e frutta; mai un gelato, mai una brioche, e assolutamente vietato ogni tipo, di salume, di formaggio dal vago odore di stagionatura. Con questo malanno che mi sono presa, la lista sarà ancor più ridotta. Ahimè! Guai ad ammalarsi, perché per guarire da un male c'è un modo solo ed è quello di digiunare, o quasi. I grassi sono causa d'infarto in quanto lasciano residui di colesterolo nelle arterie, facendole irrigidire, rendendole quindi fragili e facili alla rottura.. Se poi pensiamo che le arterie sono numerosissime e diffuse dovunque nel nostro corpo, compreso il cervello, è facile intendere che cosa accadrebbe. Gli zuccheri, che pare siano presenti nella stragrande maggioranza degli alimenti, provocano il Diabete: E il Diabete non tutti sanno che orribile malattia sia. Vuol dire che il sangue può trasformarsi lui pure in zucchero e che quindi non circoli più... e che quindi... si muore!

Oh, per favore lasciatemi dormire, ho bisogno di dormire; ma quanto mi fanno male le ossa! Anche nelle ossa m'è entrata l'influenza? Non lo so, ma una cosa è certa: questo virus venuto dall'Asia e che è capace di penetrare anche nelle ossa, è proprio un maleficio.
Mi era parso spigoloso il volto di Giacomo ma ora vedo che il mio sembra quello di un cartone animato con i tratti appuntiti dalla matita: ho gli zigomi che sporgono ed il mento aguzzo; un cadavere non ancora ambulante; me ne devo stare in poltrona, sulla terrazza, a respirare la buona aria di montagna, dove mi hanno costretta a venire in convalescenza.

123

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 15/07/2015 09:46
    molto classico l'impianto di questo racconto... però mi piace leggerò sicuramente il seguito!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0