PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incontro

Lui controlla l'orologio, con un gesto rapido della mano. Le dieci e quarantadue.
è appena sceso dal treno, da tutti quei volti estranei su di lui, sulla sua preoccupata felicità. Come un bambino al suo primo giorno di scuola.
E adesso è lì, davanti a un sole che potrebbe promettere. Tutto o niente.
Ha caldo e gli sudano le mani, i pensieri.
è una mattina di metà luglio; le giornate più lunghe, più calde.
Ha il sole in tasca, oggi, e perfino nel cuore.
Si domanda cosa succederà, mentre avanza incerto verso il sole di luglio, sull'asfalto che tiepido si scioglie sotto i suoi passi.
Oggi ha paura di un no, di un rifiuto che lo lascerebbe inerme, immobile nella sua eventuale sconfitta. Ma questa giornata è troppo bella per pensarci. Si passa una mano tra i capelli, adesso il mondo gli sorride. Proprio come quella ragazza, che gli cammina incontro lentamente.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 16/07/2015 06:59
    Il fotogramma di un momento, l'attesa di una probabile felicità, un giorno di luglio. Un piccolo brano che vibra come i raggi del Sole.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0