accedi   |   crea nuovo account

Ma chi si crede costui? (ultima parte)

L'inizio di queste mie scritture risale al 1998, anno del boom farmacologico per l'uscita, in contemporanea, della pillola della felicità spirituale (l'antidepressivo che risolveva ogni problema) e della felicità carnale (la magica pillola blu) ma poi sappiamo tutti come è andata a finire.
Proprio da qui cominciò, infatti, la crisi economica mondiale perché la politica dei Grandi (G8) preserva i potenti e si scorda degli indigenti.
Questo monito vale soprattutto per gli americani, civiltà d'avanguardia, la cui cieca politica predilige l'industria bellica (la pace non è armata), l'industria automobilistica (a danno degli spazi e dell'ambiente) e l'industria farmacologica (necessita educazione sanitaria)...

fuit olim magna civiltas americana,
vexillum pacis et libertatis, hodie primus
responsabilis precarium equilibrium
tota gentes mundi et prima causa cum Cina
catastrofe planetaria per buco ozono.
Vivemus iam in crisi economica et populus
napoletanus (semper tantum ispiratum) solet
dicere "aqua est poca et papera non gallegiat"
et sic etiam ego caddit, imperitia inespertus
promotor finanziarius, cum mea paupera aqua
in rete proditoria tesa ab americani per sanare
debiti contracti in nomine fasulla opulentia,
peior que mariuoli napoletani qui faciunt
paccum cum petra et tanta arte!
Sed qualis civiltas sine memoria et pietade
per "poveri e deboli" sine tetto, sanità
et pane, tris maxima necessitas
(in hoc signo vinces Presidente Obama)
et cum oculo attento solum versus potenti
homini et lobby americane, semper a caccia
monetaria sine nihila pietade et sapientia.
Mii cari amici americani,
quamquam cum napoletani in res faceta
(barzellette) manco una tantum
mai la spuntate, necesse concedere
vobis que in nomine libertas et scientia
omnia gentes mundi vobis debet multum,
sed tamen nunc auscultate me, genericus
medicus mutua: in ipsa hora pro vobis
necesse modus vivendi plus bonus sine
medicine, armi et auto ingombranti.
Crisi economica mundi, vostra causa,
inevitabilis erat, quia industria automobilistica
(magna machina occupat solum tantum spatium
et inquinat aera pura), farmaceutica
(stile vita esemplare riducit spesa sanitaria)

12

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 30/07/2015 09:21
    ma chi è costui? è soltanto colui che è .. l'Amore genera vita.. aldilà del sesso..
  • Rocco Michele LETTINI il 30/07/2015 08:18
    Un acuto magistralmente lasciato... PERIODI PREGNI DI VERITA'... AUTENTICI... REALI... IL MIO ORGOGLIO PER SCORRERE PIACEVOLMENTE I TUOI COMPONIMENTI... FELICE ESTATE FRANCESCO.

1 commenti:

  • Francesco Andrea Maiello il 30/07/2015 10:45
    Caro Michele e Vincenzo auguro a voi e a tutti gli amici di PoesieRacconti buone vacanze estive

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0