accedi   |   crea nuovo account

Sul mare alle otto, una mattina di settembre

C'è un uomo barbuto che sta pescando con la canna, un ragazzo più giovane, un uomo biondo e una coppia di anziani che ha piantato l'ombrellone, aperto le sdraio e posato un piccolo zainetto.
A un certo punto il ragazzo giovane è chiamato dall'uomo barbuto con la canna perché ha preso qualcosa di grosso. I due cominciano a lottare col pesce mentre gli anziani incuriositi si alzano e lentamente gli raggiungono.
Arrivati dai due con la canna, questi ultimi la lasciano immediatamente e corrono all'ombrellone degli anziani derubandoli del portafoglio e dello zainetto, salendo rapidamente sullo scooter che avevano lasciato sul bordo della strada. L'uomo biondo commenta: "Ci cascano sempre!"

 

l'autore Glauco Ballantini ha riportato queste note sull'opera

Racconti in centodieci parole. Racconto lampo.


2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 09/09/2015 08:00
    Quante storie così al mare e non solo ... bello.. Glauco.. Ci cascano sempre.. per vedere qualcosa di grosso.. o di invisibile..

1 commenti:

  • Glauco Ballantini il 09/09/2015 08:08
    @ Vincenzo: l'ho mantenuto brevissimo per farne una sorta di racconto in 5 righe come fa Giacomo Colosio. Glielo ho anche fatto leggere prima di pubblicarlo col marchio "racconto lampo". Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0