PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tre racconti di centodieci parole

Filosofia della Politica

È sempre utile andare agli esami con una certa tensione emotiva anche legata all'ansia di non aver studiato tutto bene: andarci troppo sicuri si rivolge contro.
Quella volta, sapendo bene la risposta da dare al professore, cercai di fare un ragionamento che partisse da altre considerazioni, perché mi ero annoiato di fare sempre lo stesso tipo di percorso logico, come se mi trovassi a recitare un pezzo noioso per l'ennesima volta.
Nella confusione mi persi - con Hegel non si scherza - prendendo solo ventiquattro senza avere il coraggio di rifiutarlo, come autopunizione e monito.
"Così imparo a far le cose più semplici e a non complicarmi inutilmente la vita"- Mi dissi.



Gilera 125

Sapeva solo dirti di pulire le cromature e ingrassare la catena della bicicletta per mantenerla bene, ma non era in grado neanche di cambiare una candeletta di un motorino; però si comprò la moto, che a me bambino sembrava enorme.
Prese il patentino dopo la pensione e metteva la prima marcia con le mani, perché non aveva sensibilità col pedale del cambio.
"La prima su, poi le altre giù."
Quando arrivava nella piazzetta del paese, col suo casco arancione e la visiera staccabile, sembrava Agostini. Il suo essere attore completava la messa in scena.
Una volta cadde, da fermo, mentre cercava la marcia, ma quel giorno non lo vide nessuno.



Occhi nel buio

Facevamo informazione, con Marcello, sui rischi connessi alla presenza d'infrastrutture industriali pericolose nella zona nord della città. Tra tante case visitate anche qualche attività lavorativa.
Alla porta di un'officina nascosta tra rottami di ferro, ci aprì un omino minuto, con gli occhi di un celeste chiarissimo, le uniche cose che risaltavano nell'ambiente buio, saturo come lui di grasso e odori chimici.
Ci raccontò di come, in passato, si lavorasse con coscienza e ognuno avesse grande attenzione nel farlo: "Non come i giovani sbadati di oggi, che non si rendono conto dei pericoli che corrono!"
Ne era convinto.
Lo salutammo, lui si voltò e i suoi faretti celesti scomparvero nel buio.

 

l'autore Glauco Ballantini ha riportato queste note sull'opera

Racconti in centodieci parole.


2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 10/09/2015 16:43
    semplicità .. non sapienza... incoscienza... nella confusione mi persi... caddi.. e mi ritrovai con gli occhi nel buio... piaciuti Glauco..

1 commenti:

  • Glauco Ballantini il 10/09/2015 19:35
    @ Vincenzo: Grazie. La tua è una sintesi perfetta dei racconti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0