username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Karenina

A volte accade di entrare in una dimensione diversa. Basta salire due rampe di scale poi un mezzanino e, chiusa la porta, il mondo dietro si ferma.
L'atmosfera si riempie del colore giallo e rosso dei girasoli, del suo maglioncino nero, del trucco fresco, dei foulard, dei grandi orecchini che vi si posano sopra, delle parole e dei gustosi cibi preparati, per quelle due ore pronte d'atmosfera.
Poi la porta si riapre sul mondo e discendendo le rampe c'è il solito gradino diverso dagli altri che trovi in ogni scala, e pensi che quel gradino sia come quel tempo piccolo.
Quel gradino è Karenina.
Diversa tra tutti e da tutte.

 

l'autore Glauco Ballantini ha riportato queste note sull'opera

Racconto in 110 parole


3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 28/09/2015 15:48
    bellissimo Glauco.. quel gradino Karenina... una magica dimensione diversa... dai colori vivi sgargianti.. una volta amavo tantissimo il numero 111... che sia così contando anche il Titolo..?

2 commenti:

  • Glauco Ballantini il 28/09/2015 17:03
    A dire il vero il 110 è una sorta di caso visto che avevo notato due racconti che avevano quel numero di parole, ma è anche il massimo della laurea... Grazie. Mi piacerebbe un tuo commento su Micol B, se ti va...
  • Chira il 28/09/2015 09:18
    ... sono i ritagli di sogno che ogni tanto dobbiamo vivere per far fronte alla realtà non sempre a nostra misura... Quando poche righe ma ricche creano una piacevolissima lettura.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0