accedi   |   crea nuovo account

Primitivismo

gruppi di centrali nucleari implosero contemporaneamente radendo al suolo il circostante e sovvraccaricando ogni cavo di un quantitativo d'energia enorme incanalato verso ogni piu piccola periferica elettrica del pianeta.
non c'era dubbio sul fatto che si dovesse pensare all'uomo, pensarci piu intensamente, capire o più seplicemente smettere di credere in un idolo tecnocratico, staccargli l'alimentazione e smontarlo disponendo ogni singolo pezzo in una catena naturale di eventi, di evoluzione diretta, necessaria, umana, di condivisione mentale, immedesimazione, compassione, amicizia, amore.
l'intenso impulso elettrico scaturito dalle scissioni si diramò attraverso un intricata autostrada di cavi fino a raggiungere la totalità delle centrali elettriche che d'improvviso si spensero inglobando la terra d'un ondata di oscurità intrista d'urla di liberazione.
Centinaia di bombe ad impulsi elettromagnetici esplosero in sequenza nelle piu grandi zone metropolitane del pianeta sconquassando ogni circuito d'onde d'urto invisibili, milioni di computers si spensero improvvisamente, odorando leggermente di bruciato, le automobili si fermarono, le televisioni esplosero in un tripudio di idoli astratti
chi aveva compiuto quel gesto certamente doveva essere un accanito primitivista alle prese con il sogno di una vita, anarchico libertario stufo e incredulo davanti a tanta sofferenza venduta come merchandising, pensatore indiscusso fabbrica idee, ora certamente oppresso e soffocato dai sensi di colpa intenti ad aprigli il cervello insinuando in lui la triste impressione di aver sbagliato violando la libertà di tutte quelle persone come lui, impanicate dal vivere.
ma qualcuno c'era a consolarlo, distesa affianco a lui sul dorso di un alta collina ammirando il paesaggio incorniciato da esplosioni rattoppava con filo mentale psicologiche ferite da taglio autoinflitte

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Franco Marinelli il 16/06/2008 17:19
    Decisamente, non è il mio genere. Ammetto di non capirci nulla: manca l'azione. Per esempio: come ha fatto il protagonista a scatenare tutto quel putiferio?
  • laura cuppone il 05/05/2007 18:51
    primitiva...!!! L
  • Egon il 05/05/2007 15:20
    oh comunque io non capisco i vostri commenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0