PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Clementina

Aveva gli occhi come il cielo settembrino in una giornata di tramontana, gli stessi che aveva trasmesso ai quattro figli rimasti orfani prima del previsto; come ci fosse un tempo giusto per esserlo.
La sua specialità era la pasta ai formaggi; mi divertiva vedere i fili che si allungavano come prolungamento degli spaghetti.
L'ho sempre vista molto anziana, con occhiali spessi quasi da uomo, senza vezzo.
L'ultima cosa che ricordo di lei furono i calzettoni di lana, che faceva a noi nipoti, dai colori accesi: rosso, verde, giallo, blu, con un doppio rigo di colore diverso al bordo, in contrasto con la sua vita ormai scolorita nella casa di riposo.


Centodieci familiare

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/10/2015 15:27
    Molto piaciuto ed apprezzato questo tuo bellissimo!
  • Vincenzo Capitanucci il 20/10/2015 10:30
    quattro figli ... quattro formaggi.. e quattro colori.. Clementina.. nella sua bellezza e bontà .. vale un 110 universale..

1 commenti:

  • Glauco Ballantini il 20/10/2015 10:35
    Non ci avevo fatto caso al quattro che ricorreva! Grazie Vincenzo!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0