PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La rivoluzione

Nei primi anni 90 seguivo delle lezioni di tecnica bancaria all'Università e ricordo che il prof ci disse: "Voi ragazzi non avete idea della rivoluzione che si sta preparando per gli anni a venire". Non compresi il senso di quelle parole fin quando qualcosa me le fece ricordare.

Erano gli anni in cui per telefonare bisognava andare nelle cabine telefoniche, i ragazzi di oggi non sapranno mai i germi che si sono persi nel maneggiare le cornette stagionate. Erano gli anni in cui si affacciava timidamente (mica tanto) un nuovo volto della politica che prometteva milioni di nuovi posti di lavoro. Un uomo dal sorriso complice che si era fatto tutto da sè.

Da quegli anni il mondo ha fatto un balzo enorme, impensabile immaginare come la gente avesse così tanta voglia (quasi brama) di comunicare, di parlare, di mostrarsi al pubblico, di scambiare informazioni. Quel che mancava era uno strumento che permettesse questa "piena", e la magia fu presto fatta. Era il 1994 e andai ad abitare insieme ad altri due studenti. Uno dei due aveva il cellulare, grande, grosso e costosissimo.

Erano bei tempi quando si andava in biblioteca per fare una ricerca?
Chi lo sa? Anno dopo anno, la gente comune ha conquistato il suo posto al sole. Tonnellate di onde elettromagnetiche si riversano sulle strade, filtri invisibili che riescono ad appagare il senso di inutilità che ciascuno si porta addosso. Comunicare, mostrarsi, opinare, queste sono le parole d'ordine. E i timidi? Avranno anche loro un posticino nelle sconfinate stanze dei social network?

La rivoluzione è appena iniziata, ma forse è già finita. Perchè come al solito, tutto si gioca nelle patinate stanze del potere, alla gente comune non è dato altro che sognare, immaginare di essere al centro dell'attenzione, entrare virtualmente nella megavilla di Angelina Jolie e sentirsi una star. Perchè in Italia la gente cominciava a perdere milioni di posti di lavoro e il futuro dei giovani andava a puttane.

 

4
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 23/10/2015 09:23
    La rivoluzione informatica viene realizzata dopo le contromisure per il suo, perlomeno, parziale controllo...
  • frivolous b. il 23/10/2015 08:25
    Davvero interessante... come sempre!
  • Vincenzo Capitanucci il 23/10/2015 08:07
    Bella analisi.. Vincent.. a noi di usare questo strumento di comunicazione.. per fare una vera rivoluzione.. su pr.. abbiamo carta bianca..

1 commenti:

  • mariateresa morry il 23/10/2015 13:08
    per nulla superficiale raccontino, un breve riandare a tempi giovanili alla ricerca du capire da dove sarebbe iniziato il grande salto... pensa un po' che balzo, rispetto alla mia gioventù anni '70...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0