accedi   |   crea nuovo account

Giovanni, il montanaro

Giovanni era un uomo di altri tempi, poteva essere anche un residuato ottocentesco, non corrotto in alcun modo dalla realtà in movimento.
Vestiva con orgoglio i suoi scarponi pesanti che si toglieva davanti al camino ed i calzettoni di lana che si era tenuto per tutto il giorno; non aveva bisogno di molto altro che non fosse la sua camicia di tutti i giorni e quella rossa, di ricambio, per la domenica.
Ricordo di lui i baffetti fini e curati e le sigarette che si faceva con le mani, tanto ruvide e grosse quanto abili a rollarle.
Era una figura rassicurante, una forza calma che incuteva rispetto e infondeva sicurezza.


Centodieci d'Appennino

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 25/10/2015 16:46
    Da essere a noi da buon esempio. Molto bravo!
  • Rocco Michele LETTINI il 24/10/2015 09:49
    Um Giovanni mancante ai giorni d'oggi... Piacevolmente scorsa. Lieto weekend.
  • Vincenzo Capitanucci il 24/10/2015 09:29
    Una quercia.. uno con la montagna.. con la terra ed il ruscello.. incuteva rispetto e infondeva sicurezza...

1 commenti:

  • Anonimo il 25/10/2015 23:29
    Usate Google Chrome
    poi in estensioni "chrome://extensions/"
    cercate "Adblock Plus" e aggiungetelo
    toglie tutte le,, pubblicità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0