PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mari F

L'amore delle medie. Sarà stato per il nome, Mari, con la "i" semplice, oppure per lo sguardo a volte imbronciato e misterioso, i capelli neri, gli occhi castani ed il suo essere minuta.
Non facevo altro che girarmi dietro, anche se ero al secondo banco della prima fila e lei al penultimo della terza, accanto alla Selmi.
Ricordo che l'ultimo anno mi regalò un pezzo di stoffa plastificata per foderare un portacarte che costruimmo nelle ore di applicazioni tecniche.
Il portacarte l'ho tenuto fino alla metà degli anni duemila ed è andato perduto in un trasloco.
Era nero "coi fiori non ancora appassiti". Fiori rosa e bianchi con foglie verdi.



Centodieci scuola media

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/10/2015 20:44
    Anch'io ho avuto come compagna di classe della Ragioneria una Mari G., avvenente come la tua... elogiata adorabilmente. Buona notte Ferdinando.
  • Vincenzo Capitanucci il 26/10/2015 18:15
    gli amori delle medie.. ed anche quello dell'ultimo anno delle elementari .. ne rivedo i volti .. sono fiori che non appassiscono mai .. perché nati nella purezza dell'anima..

1 commenti:

  • Glauco Ballantini il 26/10/2015 21:32
    Grazie della buonanotte, anche se mi chiamo Glauco...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0