accedi   |   crea nuovo account

Cogito ergo non sum

Cogito ergo sum, penso dunque esisto, da questo punto di vista Cartesio ci ha rassicurato. Non ci sono dubbi sulla mia esistenza.
I dubbi si pongono sull'esistenza della realtà esterna.

Il filosofo Schopenhauer era straconvinto che la realtà esterna, benchè esistente, fosse avvolta da un velo appannatissimo che impedisce di vedere il vero volto delle cose e questo velo lo chiamò "il velo di Maya". In parole povere, osservando il mare, il bellissimo azzurro mare, magari trattasi delle enormi fauci di un grosso essere vivente, affamato di uomini.

Per vedere "veramente" la realtà che ci circonda qualcuno dovrebbe inventare un bel paio di occhiali speciali.

Ma l'idea non è nuova: il buon vecchio Platone non aveva dubbi, quella che vediamo noi quaggiù non è altro che la copia sfocata delle meraviglie che si trovano lassù, nel mondo delle "idee".

A dirla tutta potrei cominciare con Cartesio, e domandarmi perchè se penso (cogito) dunque sono (sum)? Anche, persino il pensiero potrebbe non essere la prova ineccepibile della mia esistenza. E se pensassi con la mente di un'altra entità che non sono io?

E se il pensiero fosse la prova (per negazione) della mia non esistenza? Ci avete pensato? Noi, in prima persona, non esistiamo, mentre la realtà (a dirla platonicamente) esiste in un mondo lontanissimo... allora che mondo è questo? Un mondo dove prevalgono le parole e i pettegolezzi, mentre le vere cose dimorano altrove.

E se noi, in prima persona non esistiamo, mentre voi esistete, a che scopo dovrei continuare a filosofeggiare? Cogito ergo non sum...

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/11/2015 14:18
    Tutte considerazioni filosofiche valide, ma aprono un varco a discussioni a tavolino di ore e ore, eppur senza noia. Bravissimo!
  • Vincenzo Capitanucci il 31/10/2015 07:25
    gli Svizzeri risolsero cosi il problema.. Je pense donc je Suisse.. Schopenhauer aveva un piede in India... mentre il buon Platone.. capì nel mito della caverna.. che se vuoi liberare gli altri.. rischi la morte.. da Socrate a Malcom x.. la storia è piena di esempi.. mentre il fiume dei pensieri scorre portandoci nella sua corrente..
  • Glauco Ballantini il 31/10/2015 06:35
    Pirandello risolse il problema così: noi siamo in quanto gli altri ci vedono, ma non siamo noi ( e torna la tua cogito ergo non sum) ma la nostra interpretazione che ognuno degli altri da.
    In un passo di "uno nessuno centomila" dice sostanzialmente che trovandosi con altre due persone, in realtà ce ne sono 8 perchè ognuno è come è per se e come gli altri lo vedono. Tranne il protagonista che dice di essere nessuno. 9 - 1 = 8.

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 31/10/2015 21:59
    Particolare questo tuo ragionare filosofico caro Vincent, buona domenica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0