accedi   |   crea nuovo account

Evaporato in una nuvola rossa

Lo portò via un sorpasso, "in una delle molte feritoie della notte", la notte della vigilia di Pasqua.
Aveva frequentato la scuola alberghiera ma era insofferente ai banchi, così aveva trovato lavoro come cuoco in un ristorante.
Quando finiva il turno, a notte inoltrata, veniva nella piazzetta della chiesa, ma tutti stavamo per andare a casa mentre lui voleva far finire le sue dita tra le corde della chitarra.
Sulla strada della Valle, con il Cortona, la strada impazzì e il nero cielo crollò.
Aveva raccontato a tutti di quanto fosse entusiasta all'idea di compiere diciotto anni, diventare finalmente maggiorenne come noi.
Lo diventò solo mentre era in coma.
Buio.


Centodieci drammatico

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 31/10/2015 11:50
    conosco una storia simile.. ma quanti potrebbero dirlo..
  • Rocco Michele LETTINI il 31/10/2015 11:23
    Quanto è adorabile il tuo comporre: ci ridai frangenti d gioventù. Lieto weekend Glauco.

1 commenti:

  • Glauco Ballantini il 31/10/2015 21:16
    Un film, il sorpasso, due canzoni: amico fragile e canzone per un'amica, un fatto reale...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0