PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Camoscio

Abitava in fondo ad una piccola valle sotto all'Abetaia, un chilometro oltre il piccolo paese; una lunga camminata prima di incontrare la civiltà; così isolati, lui e la sua famiglia, che per andare a lavorare doveva percorrere una dozzina di chilometri a piedi.
Il lunedì, quando mio padre tornava al lavoro dopo il fine settimana, lo trovava sulla piazzetta e gli dava un passaggio. Chilometri risparmiati, ma anche un allenamento in meno, visto che lo sport che praticava era quello delle corse in montagna.
Ricordo la valle scoscesa trai verdi castagni dell'Appennino, il prezioso succo di mirtillo che ci offrì sua madre e le coperte di lana artigianali che vendeva.

Centodieci d'Appennino

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 08/11/2015 07:23
    Bello... far parte così della natura..
  • Rocco Michele LETTINI il 06/11/2015 06:22
    Un lontano ricordo... che si veste di nostalgia. Meravigliosamente rimembrato... Glauco. Lieta giornata.

1 commenti:

  • Gino il 05/11/2015 22:18
    Breve, come vedere un paesaggio da un buco, ma la montagna che si svela è suggestiva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0