accedi   |   crea nuovo account

Riflessione sul nuovo inizio

"Dopo ogni fine c'è un nuovo inizio".
Ricordate una cosa, ad ogni inizio seguirà già una fine. Sarà pur brutto da leggere, ma è la verità. Non vi illudete con frasi di infondata speranza. A che serve far finta che dopo la sofferenza sia già pronta per noi la felicità se non vogliamo accettare il contrario?
Ci illudiamo senza voler accettare il vero ciclo della vita.
"Dopo ogni fine c'è un nuovo inizio";ma ad ogni inizio ci sarà, inevitabilmente, una fine. E non è vero che la sofferenza dura un'eternità(o almeno cosi ci sembra) e la felicità sempre troppo poco. Siamo noi a decidere che peso dare al periodo che stiamo vivendo. E, come quando arriva la felicità e la si vive al massimo, non scappate dal dolore, affrontatelo al massimo come fareste(o faremmo) per qualcosa che ci conviene.
Ah, un'ultima cosa... Non chiamatelo "nuovo inizio" ma "altro", perchè è uno dei tanti della nostra esistenza.

 

l'autore Gianni Spadavecchia ha riportato queste note sull'opera

Ci tengo a precisare che è una critica a chi usa questa frase per illudersi e non critico la speranza che invece cerca di dare la frase in sè.
é un pensiero controcorrente.


2
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 23/11/2015 11:19
    Condiviso e molto apprezzato questo tuo veramente saggio pensiero!
  • Stanislao Mounlisky il 23/11/2015 05:47
    Sulla ciclicità degli eventi hanno argomentato fior di filosofi. Ad essi si affianca questo testo portando la riflessione, a mio parere, alla portata di tutti.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/11/2015 07:39
    è questa l'apocalisse.. non nuovo ma altro inizio.. bravo Gianni..
  • Rocco Michele LETTINI il 21/11/2015 03:48
    Una ponderata riflessione Gianni sequelata con acume... Sereno fine settimana.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0