username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il dolore di Cupido

Cupido, arrabbiato per il tradimento di Psiche, decide di vendicarsi su di lei prendendo un pezzo della sua anima; con il quale egli sarebbe andato all'Oracolo di Delfi, resuscitando la belva che Apollo aveva sconfitto e attraverso una preghiera rivolta al suo prozio Ade.
Cupido tanto afflitto e assetato di vendetta riportò in vita il feroce serpente Pitone.
L'intenzione che egli impose alla creatura fu di perseguitare la fanciulla fino a mangiarla. Obbedendo agli ordini che il dio gli aveva dato, l'orrido mostro iniziò senza freno a dare la caccia alla sua preda.
Intanto Psiche, avendo avuto la notizia che il serpente Pitone la stava perseguitando, cercava di tornare al palazzo incantato per chiedere il perdono del suo sposo per averlo tradito.
Ella si china sul pendio e incomincia a pregare chiedendogli scusa per essersi fatta ingannare, allora lo stesso soffio di vento da cui lei era stata trasportata al castello incantato ritorna.
Psiche dopo un battito di ciglia incontra il dio Apollo che sentitosi tradito da suo nipote, che ha riportato in vita è corso in suo agliuto, m Psiche chiede ad Apollo di chiamare Cupido, mentre lui avrebbe ucciso nuovamente la belva.
Cupido, appena giunto ascolta la sua sposa, lei dice che si è fatta convincere dalle sorelle perché pensava che loro volessero il suo bene, in vece erano invidiose.
Morto il Pitone, Cupido perdona Psiche e per la sua onestà egli le dona una bambina, a cui lei da il nome Helena, con la promessa di una vita felice insieme a lui.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0