PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dicono di te... Napoli

NAPOLI quante storie abbiamo sentito sul tuo conto mia cara, vere e false, belle e brutte... Tu che ci fai sognare pur tenendoci coi piedi sempre per terra. Tu che hai fatto nascere la pizza. Tu che con il tuo dialetto hai fatto nascere una nuova lingua, essì perché il napoletano è riconosciuto come una vera e propria lingua e mai nessuno lo parlerà bene come un napoletano vero e di napoletani veri signori, a Napoli ce ne sono pochi davvero, vi sembrerà strana questa mia affermazione, ma io per vero napoletano non intendo chi porta sulla carta d'identità Napoli come luogo di nascita, no, assolutamente, perché i veri napoletani sono signori e di signori miei cari ce ne sono pochi. Quei signori che sono stanchi del fatto che il nome dei napoletani sia infangato da gente che a Napoli ci è nata, ma che non la ama, anzi la rovina.
Napoli, cara, tu fai paura a tutti ma quando poi ti assaporano un po' quei tutti li fai innamorare. Tu che ci fai sentire l'odore del mare, tu che con la visione del Vesuvio ci ricordi sempre che c' è qualcosa di più grande di noi e che nessuno è onnipotente. Tu che con i tuoi colori e vicoletti metti tanta allegria. Tu che sei stata e continui ad essere patria di GRANDI. Tu che ci fai vedere il mare fin dove la nostra vista arriva e poi ci mostri l'orizzonte, proprio lì, tra mare e cielo facendoci sentire liberi, liberi davvero.
Napoli è una città, quelli che la rovinano sono un'altra storia, Napoli è da vedere, Napoli è da vivere.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0