PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I racconti di Jack

Jack il cuoco



" Presentazione "

Caro lettore sono in molti gli scrittori che hanno provato a dare linguaggi diversi ai personaggi, dopo avere letto in modo attento Jack, sento la pena di porre l'accento, con poche lettere, sulle origini di questa storia, essere stati sul web, cambia la scrittura. La parola è nata con il suo lato oscuro, è l'argomento che deve nascere, diciamo che aggiungere un testo vuole dire comandare, essere padroni della storia, sono io l'autore che ho fatto questa scelta, impadronirmi di Jack per farne uno nuovo ( o quasi ).
L''opera è collegata e molte storie si sono aggiunte, il racconto, la favola, la parola, come modo di scrivere entra in scena, le lettere delle parole partono dal bisogno di poesia, poi cambiano, diventano altro. Le donne sono un file scomparso, un appuntamento mancato, nel caso di Jack, è una corsa, dei nomi per prendersi in giro, sono disegnate nel viaggio del cuoco, il suo problema è mettere i piedi dove non deve, con la tentazione di fuggire. L'intensità e la frequenza sono la possibilità di stare in un posto, Jack per la sua ex, per le persone cui si rivolge, per fare chiarezza, se ne deve andare, per il fatto di essere un futuro docente al posto loro.
Prima di arrivare in questo spazio di scrittori mi sono allenato con un diario giornaliero, lo specchio di tutto il tempo che si può dedicare a questo personaggio, nato dai commenti del nostro tempo nel mondo web. Si passa dall'esercizio " volontario " del nostro sapere parlare, leggere e scrivere alla richiesta di riconoscimento di una competenza, che possa passare, in modo semplice da persona a persona, questo si chiede a Jack.
Lui deve interpretare gli " enigmi " della comunicazione come tutti noi. Dopo lo " spazio chiuso ", anche dalle troppe amanti, Jack passa a dire la scienza, a confrontarsi con le celebri dichiarazioni quelle dei vip famosi nel mondo dei media, passa a capire quanto valgono i concorsi degli assessori. La lista di autori, nel testo, da presentare con Jack pubblicamente, non è scelta a caso, non ha un ordine, sono spesso il mio giudizio, usando le loro parole, la mia valutazione della comunicazione di oggi.


" Il viaggio e l'incontro ".
La domanda, con cui nasce la nostra storia, è cosa raccoglie la stampa di noi?
In molti pensano che basti il social network per parlare il mondo dei " media ", l'uomo del quale scriviamo, vive in America, precisamente a New York, non ha fatto amicizia con noi tramite un social media. Non crea un account per fare comunicazione, a lui tocca la vita urbana, lo studio della parola, la conoscenza della poesia come rima, rimanendo fedele a un rapporto storico e ideologico con la sua nazione. Signori entra nella vostra vita di lettori di racconti il " carissimo " Jack il cuoco, grande amante di William Skeakespeare, con il quale è in stretto collegamento, seppure vive un periodo transitorio, non riesce a comprendere che la sua scrittura, infatti, deve andare oltre. Jack ha la possibilità di introdursi nel mondo dei " media " seppure la sua scrittura, per non essere sospettosa, per ascoltare i suoi amati speaker radiofonici, con la sua musica jazz del cuore, è sempre stata una scrittura molto " americana ". Skeakespeare gli ricorda i suoi viaggi, fatti non per preparare panini, delle lunghe trasferte per movimentare i suoi scritti, fuori dal territorio americano. Jack non crede che uno sia poeta solo poiché rimane nella sua terra, la vede sempre giovane, la porta nel cuore, non crede che solo alla terra spetti la carta scritta, è di un altro pensiero, di un'altra filosofia. Prenderà tra poche ore il volo per l'Italia ove deve andare in missione, sa che l'accanirsi sul mondo degli scrittori non serve, lui viaggia, questa volta, per lavorare per chi crea la forma fisica delle persone. Chi lo vuole dentro all'Italia pensa bene di lui, lo vuole un " poeta ", quindi leggere, parlare, nel paese dei santi, poeti e navigatori, vuole dire non stare solo vicino a Sheakespeare. Jack è ammiratore del bellissimo " Colosseo ", quindi va in Italia con piacere, essendo a Roma potrà vederlo, seppure lui debba parlare di musica, cinema, sport le consegne sono di selezionare proprio per lo sport. L'aspetto di Jack è di un giovane signore americano che ama la musica, in Italia sa che il moralismo c'è, seppure in un paese cattolico si debba recuperare le gioie del divertimento, presentarsi anche per argomenti seri, pure nello sport, è un paese l'Italia attento ai costumi, quindi lui che ha un look molto musicale deve stare attento, si deve aprire anche all'ascolto dei cantautori italiani, riempie la valigia con quelli che trova. La musica gli serve per " ripassare la lingua italiana ", gli piace conoscere le belle parole delle canzoni d'amore, prepara la sua dichiarazione per fare colpo, il luogo che deve raggiungere, nel quale divulgare notizie, non è la sua amata cucina, lo sport lo manda in una grande sala a Roma. Viaggia in aereo e rimane della sua idea e cioè per dare del tu, alle colleghe dello sport italiano, il massimo è un bel brano musicale. Ora caro lettore, scusami se devo mediare la storia, con qualche nota di sintesi, siamo al punto in cui tu che leggi ti chiedi " the right man in the right place ", quindi il motivo per il quale è stato scelto un cuoco quale è ? È un cuoco che ha saputo criticare e parlare bene con Sheakespeare, non si può dire che faccia parte di una società professionale, seppure la debba creare, è un esperimento, esce dal suo paese con l'obiettivo di fare affascinare per la cultura americana. Jack per un gruppo di direttori tecnici americani ha la sua missione comprendere la comunicazione. Gli riconoscono la competenza a giudicare, con degli incontri, delle relazioni, come se cercasse star per degli show tramite i talent. Quando Jack sbarca dall'aereo, nemmeno il grave ritardo, basta per togliere la felicità di essere a Roma. È pronto per uno " stage " in palestra. Si presenta subito, ai molti allenatori italiani, dicendo : " Non sono qui per costruire un potere personale ".

12

l'autore Giuseppe Di Summa ha riportato queste note sull'opera

Jack you are in Italy now!!!


0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0