username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fantasie biografiche (2a parte)

Continuando la mia trama fatale, dopo le clamorose sconfitte al gioco e l'abbandono filiale, entrai in severa crisi depressiva, ma poi in un giorno speciale (Epifania del 2004) vidi strani segnali dall'alto (moto solare diurno ed aureola stellare notturna), che mi fecero entrare ancor più in confusione mentale, se adesso mi ritengo il novello Noè (apripista dell'era spirituale) e un moderno Mosè che nottetempo trascrive sotto dettatura finanche poesie morali.
Da qui sono giunto alla lucida conclusione, ahimè, di essere il vero scopritore dell'anima dopo esser pervenuto alla cellula primordiale o spirituale ben celata nella filosofia dei Grandi: pensiero/membrana/Aristotele, amore/citoplasma/Platone e coscienza/nucleo/Socrate.
E in virtù di tanto spero di passare alla storia (o alla gogna) come "L'Einstein spiritale o il novello Platone, fate voi!":

Se ascisse e ordinate
sono coordinate cartesiane
e posizionano un oggetto su di un piano,
spazio e tempo
sono coordinate umane
e posizionano un soggetto nell'universo.
Pertanto se lo spazio
misura la larghezza del corpo,
materia finita, massa
ed energia commutabile,
il tempo misura, invece,
la lunghezza del pensiero,
spirito infinito, luce
ed energia immutabile.
Dinanzi a questa Luce infinita,
che anima i cuori e muove le menti,
spazio e tempo si inginocchiarono
in gloria alla suprema Potenza
e così il gran Renè divenne
il padre della filosofia moderna
mentre quel mostro di Albert
è il sinonimo dell'intelligenza.
Il guaio è sol per me,
Francesco Andrea che,
per l'ardire del sommo esaltato,
passerò alla gogna
con tanta vergogna.
Da pensator incallito
alla costante ricerca dell'anima
mi sia concessa allor
la nomea di novello Platone
per quel mio "amo e sempre sarò",
che completa la triade spirituale
tra il cogito ergo sum cartesiano e
il gnothi sautòn socratico

123

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/03/2016 07:50
    STRAORDINARIO QUANTO ESAUSTIVO CONNUBIO RACCONTO-POESIA. UN COSTRUTTO CHE LASCIA RIFLETTERE... NON SOLO "FANTASIA AUTOBIOGRAFICA"... È LA REALTA' DEL NOSTRO TEMPO CHE SCORRE...
    IL MIO PLAUSO E IL MIO BUONGIORNO.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0