PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Premonizioni

Vedevano da dietro i due genitori e il loro piccolo figlio riscaldarsi col tepore dei loro fiati.
L'inverno adorava il messia venuto a redimere il mondo.
Tutti rendevano omaggio alla creatura salvatrice per la sua nascita, ma l'asino e il bue scossero la testa, non coinvolti dall'atmosfera gioiosa.

L'asino pensò a quanto poco sarebbe cambiata la sua vita fatta di frustate e di lavoro duro con persone e fastelli sulla groppa.
E il bue considerò anch'esso quanto poco cambiasse la sua vita in attesa di diventare carne da servire in succulenti pranzi di nozze.

Dopo pochi giorni l'asino fu caricato di vettovaglie dalla famigliola e il bue portato a Cana.



Centodieci apocrifo

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/03/2016 17:36
    UNA ENCOMIABILE SEQUELA COME TU CI HAI ABITUATI A SCORRERLA... IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA GIORNATA GLAUCO.

1 commenti:

  • Glauco Ballantini il 09/03/2016 09:04
    È molto apocrifo, Rocco, grazie del commento...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0