PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'angolo Di Paradiso

Danzare come fanno le foglie col vento: l'ammirazione che il sorriso del pubblico svela
nell'osservare il fascino che creano le foglie nel farsi guardare per i loro movimenti nel cadere.
Indistruttibile il modo in cui hanno il piacere di mostrarsi, una sorta di energia che si racchiude
in un paio d'occhi umani che assistono alla scena. Per tanti visi della gente sono estremamente
insignificanti, altri considererebbero anche l'idea di calpestarle: eppure nessuno avrebbe il
potere di abbellire le città come sanno fare loro. Interroghiamoci: se ciascuna foglia si fosse
disintegrata, adesso cosa rimarrebbe al posto loro? Ma la gente queste domande non se le pone.
Per loro, una foglia è una foglia. Il che non ha assolutamente nessuna importanza da dargli. Ciò
nonostante, esiste un posto dove invece ogni cosa non è mai buttata via, ad esempio un posto
che opprime gli umani. Ma mi meraviglierei se fosse stato invece il contrario. Quale persona
non proverebbe fastidio per una cosa più grande di lei?
Ma arrivando al dunque: cessa di esistere solo qualcosa che non è in grado di stupire. Quindi,
in fin dei conti, se gli occhi di un bambino s'immergono nella naturalezza di tutto ciò, allora
non è così raccapricciante come sembra. Quale creatura potrebbe mai contribuire a dar
significato ad una piccola foglia?
Ed in quel momento, in una strada illuminata dalle luci dei lampioni, girovagava una farfalla,
sfiorando un muro che cambiò colore al suo battito d'ali.
Gli sconosciuti tentavano invano di afferrarla con le mani, non lasciandole via d'uscita... ma
come si dice? Ciò che sfugge: incanta.
E Andy era proprio così. Si cibava del tempo della notte per trasformarsi in un essere umano.
Il ticchettio dell'orologio: era ora! Era giunto il momento di catapultarsi a "L'Angolo Del
Paradiso".
Un posto ignoto, inesplorato e lontano dagli occhi dei passanti, dove era sufficiente comunicare
con gli occhi per sapere cosa giacesse nell'anima della persona.
Sfuggiva dalle mani degli abitanti di Huden Derth.
Un ultimo passo e si intravedeva in un vicolo stretto: un piccolo fiume... nascosto tra le foglie
di un albero lontano, dove riposava nell'acqua una rana dall'aspetto buffo e amichevole che
ondeggiava per il fiume in tranquillità.
C'era anche Berri, un piccolo criceto che, nell'Angolo di Paradiso, veniva soprannominato il

123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0