accedi   |   crea nuovo account

Fantasie biografiche (4a parte)

Proprio nell'RNA (A-adenina, C-itosina, G-uanina, U-racile) messaggero è trascritto il messaggio divino (A-more, C-oscienza, G-enoma, U-niversale) che io ho riciclato dal DNA spazzatura agli albori di questa nuova era spirituale, allorquando i neurotrasmettitori chimici (serotonina, noradrenalina, GABA) cederanno il passo ai mediatori sentimentali (pietà, carità, bontà) con l'altruismo dell'intelletto (dono spirituale) a sopravanzare l'egoismo della propria ragione (surrogato materiale) in modo che anche il nostro profondo io avrà finalmente pace:

IL CONFLITTO DELL'ANIMA

Che grande caos
in questa mia povera testa
quando mi ritrovo solo,
è un continuo vociferar
con vero botta e risposta
tra mente e coscienza,
prigioniere dell'anima nel mio profondo.
Se questo baccano succede di notte,
perché anche nel sonno
non mi dan pace,
mi costringono a buttarmi giù dal letto
per ascoltar le loro assurde ragioni:
smettetela una buona volta e
la notte almeno fatemi riposar.
Da una vita faccio il medico
solo per grande amore,
pensate un po' che cattiveria...
non sopportavo più mia madre
per troppi lamenti e di contro
mio padre, semplicemente con serenità
soffrendo, con la sua dipartita
mi pervase d'amor tutto il profondo...

Questa certezza l'ho acquisita dopo esser passato indenne dal buio dell'encefalopatia epatica materna con il suo gradiente di oscurità tra segni e segnali:

Stadio 1- giornata cupa - confusione (segno) - irritabilità (segnale)
Stadio 2- giornata plumbea - sonnolenza/torpore (segno) - flapping tremor (segnale)
Stadio 3- giornata buia - sonno/sopore (segno) - disorientamento temporo/spaziale (segnale)
Stadio 4- giornata nera - coma (segno) - mancata risposta a stimoli dolorosi (segnale)

alla lucidità mentale con il suo gradiente di luminosità (o scala dei fantasmi) sulla scala cognitiva:

1234

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 31/03/2016 09:10
    L'amore è il fiore
    all'occhiello dell'anima
    e la coscienza è lo specchio... ma quante porte e fantasmi di porte dobbiamo attraversare..
  • Rocco Michele LETTINI il 31/03/2016 08:06
    Sempre espressività messaggere da le tue perle di saggezza.

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 31/03/2016 08:03
    Un poemetto straordinario che scruta la vita coi suoi stracci (l'indigente) e i suoi firmati capi(l'abbiente)... questo ho evinto dalle tue oculate riflessioni.
    LIETA GIORNATA FRANCESCO.
    *****

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0