PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fantasie biografiche (6a parte)

Adesso ritornando al sesso (la lingua batte dove il dente duole!), sulle reminiscenze etiche di mia nonna Rosina (mi inibì il sesso sin dalle fasce) e sull'esperienza di Isaac Newton (fece voto di castità per preservare l'ispirazione), a me in tema altro non resta che Il sesso in versi e La centralina del sesso.

IL SESSO IN VERSI

Il sesso è bello
quando la morale vuole,
la coscienza non duole
e la legge vola.
Soltanto questo
è ciò che vale
per un mondo migliore.
Lo realizzeranno
i nostri giovani
con il fanatismo
del solo amore.
È il sesso cosciente
che trasmette la vita
enfatizzando l'amore
e tramanda la specie
nel modo migliore.
Sarà così bello vivere
sublimando l'amore
con l'apoteosi dei sensi
tra il sentore delle poesie,
il sensore delle carezze,
il sapore dei baci,
l'odore degli umori
e il colore degli occhi
da cui trasparirà l'anima

12345

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/04/2016 06:20
    "La Verità è il fantasma della luce
    nel candore della contemplazione".
    SENTORE DI SOFFERENZA CENTELLINATA IN GOGGE DI NON RITROVATA DOLCEZZA: EFFETTO COLLATERALE CHE LASCIA MANINCONIIA.
    UN ESAUSTIVO DECANTO.
    LIETA GIORNATA FRANCESCO.
    *****

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0