PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diario 26/04/2016

Un buon John Fante è quanto ci vuole per rendere questo pantano un po'meno ricco d'insidie: Il cagnolino rise, l'America e i sobborghi e la polvere e messicane arrabbiate che ti mostrano il culo per ricavarne qualche briciolo d'Amore. Questa è una poesia che ricuce strappi, che cerca verità forse lenendo l'angoscia di essere qui in questo preciso istante. Oppure no. Andare più sul filosofico. Una Nausea di Sartriana memoria, quella vaga ossessione che ti porta a considerarti di troppo, che ti fa capire, finalmente, cosa vuol dire esistere.
Insomma, le cose sono e restano sempre le stesse. Sentire la monotonia come una serpe velenosa incunearsi sulle pareti del collo e stringere... stringere.
La vita non ha senso. Sta a noi dargliene uno, se possiamo, con cautela. A volte il desiderio ci ha reso frenetici: trovare una svolta. Mettere un punto ed andare a capo. È questa l'agonia, la bestia che ci fa considerare le cose un'accozzaglia d'insulse quisquilie.
Scrivere è una soluzione. Scrivere è come medicarsi in modo autonomo, lasciando fluire lungamente il sangue, anche sentendo una gran dose di dolore, ma veder ben bene cosa si cela dentro a quella ferita che fa ci ha reso così instabili.
Così questo diario è il 2. 0 della pazzia, un capitolo nuovo, una scusa, forse soltanto un tentativo di non perdere completamente quel brandello di coscienza che ancora porto dentro di me.
Sono stato fuori città. Il 25 Aprile. La liberazione dal terrore. La carne e il fuoco e la gente, felice, forse solo convinta di esserlo, così melensa, caciarona, irregolare, mondi diversi riuniti in un unico calderone: la festa.
Ne ho abbastanza della vita e non mi diverto mai. Così a qualche chilometro dalla città succede che ti ritrovi in famiglia, a pranzare fuori e poi fai pure un giro panoramico della zona, vedi belle cose, la natura, punti d'interesse storico e architettonico. Ma dietro giace sempre quel vuoto. Quel magone. È che leggere Schopenhauer aprirebbe gli occhi anche al più cieco degli uomini. Insomma niente va per come dovrebbe andare, e tu ti domandi: Perché? Allora ti arrabatti, combatti, fai proseliti, avanti e in dietro, come un pazzo, in cerca di una risposta, una sola santa maledettissima risposta. E ti rivolgi ai grandi, perché nessuno oltre loro è in grado di darti una mano. Schopenhauer sapeva il fatto suo. La vita è un pendolo che oscilla tra dolore e noia. E tu lo sai. Lo sapevi da sempre. È vero. È così. Eccola l'illuminazione.
Ma scavare nel profondo è una storia troppo pericolosa. Un diario. Un diario! Che stranezze. Ma in fondo anche la vita è sempre stata una grande stranezza.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 30/04/2016 09:21
    Accidenti che stile! Molto particolare ma ben riuscito, e poi la sorpresa dell'io narrante femminile... che talento ragazzi!... andrò avanti
  • Vincenzo Capitanucci il 27/04/2016 08:52
    chiedi alla polvere come ha fatto a divenire un muro in questo pantano
  • Rocco Michele LETTINI il 26/04/2016 19:19
    UN OCULATO RACCONTO... DAL PERIODO DI CHIUSA ESPRESSIVAMENTE ELOQUENTE.
    LIETA SERATA FERDINANDO.

1 commenti:

  • frivolous b. il 30/04/2016 13:31
    Macchè femminile! Scusa sono un po' "suonata" ultimamente... avevo letto "sono stata" invece che "sono stato"... non farci caso!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0