PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diario 28/04/2016

La mia America è nient'altro che un sottile desiderio di fuga.
La luna era alta ieri sera, alta e velata. Imperscrutabile. E guardandola mi è venuto in testa uno strano concetto che non mi ha lasciato dormire. Tutte le vite si equivalgono.
Mi sembra di aver letto qualcosa del genere in Camus. Anzi no, ne sono proprio sicuro. Era "Lo straniero", verso metà dell'opera. Ma ieri sera è stato diverso. Ieri l'ho proprio capito. Tutte le vite si equivalgono.
Così l'abbondanza è sempre stata mancanza. La pochezza normalità. La povertà umiliazione. La ricchezza assenza d'essenza. Non esiste l'equilibrio. Lo so. L'ho sempre saputo. E ieri, davanti a questa luna raggelante, quasi mostruosa l'ho capito. È un concetto universale. Tutti patiscono. Tutti nascono e tutti muoiono. Nella sofferenza. Nel dolore. La felicità è un istante. Fugace. Tutti nascono e crescendo architettano un futuro meraviglioso. Perché loro, loro non lo sanno. Non sanno che è sempre la vita ad averla vinta. Non sanno che quello stesso entusiasmo che ci mettono nel siglare traguardi è effimero, così effimero che quando saranno vecchi li abbandonerà per sempre. Perché entusiasmarsi vuol dire perdersi nei meandri della vita senza guardarla in faccia. E la fatica? E il sudore? E tutta l'angoscia che si perde per strada nel nostro cammino terreno? No. Quella non la vedono.
Tutte le vite si equivalgono perché il nostro non è che un passaggio fugace che non lascerà alcuna traccia.
Oggi mi sento bene. Mi sento molto oculatamente soddisfatto della mia disperazione. Vuol dire esserci. Vuol dire usare il cervello. Essere consapevole di quest'intricata questione. Fuori da casa mia la gente si riversa nelle strade e impazzano i clacson, le voci, i rumori di quest'andirivieni borghese e sottoborghese. Questa è la normalità. La vita che va avanti. Che continua senza mai fermarsi.
Romperò la monotonia con un giro attorno al lago, tra qualche ora. Prenderò una birra, fumerò qualche sigaretta e poi chissà. Aspettiamo per vedere.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 30/04/2016 13:26
    un spettatore molto attento... complimenti!

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 29/04/2016 09:45
    sono Silvia Leuzzi mannaggia
  • Anonimo il 29/04/2016 09:45
    Mi piacciono le tue riflessioni amico, ti auguro una buona giornata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0