PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Harry Potter E La Scienza Babbana

Il signor Gazza aveva già spento le luci di tutto il castello, gli alunni erano tutti nei loro dormitori nelle proprie casate, di certo non a dormire. La preside McGranitt era nel suo ufficio a dare la buona notte a una vecchia foto ormai statica del suo caro Silente e i professori, dormivano già da molto, tormentati dal pensiero che l'indomani, ci sarebbe stato il campionato Serpeverde VS Grifondoro.
Nonostante ciò, c'era un gran fracasso quella notte, o per lo meno, sarebbe arrivato a breve.
<< Privet Drive, 4. È quesssto l'indirizzo sssignore, anche ssse il ragazzo ha perssso la traccia, non significa che non torni qui ssstrisssciando >> << Fa silenzio! >> interrumpe il suo compagno subito quando sentì, nel mondo babbano, un rumore curioso. << È Sssolo lo ssscarico sssignore, i babbani è cosssì che essspellano le loro... >> <<Fa silenzio ho detto! Non m'importa niente del parere di uno stupido serpente! Aspetta qui che sei più inutile di una cioccorana! >> L'uomo agitò la sua bacchetta e aprì così la finestra di casa Dursley.
<< Certo sssignore, come desssidera... inutile Magonò. >> L'ultima frase fu detta solo quando l'uomo era già nella residenza.
Ci volle un po' a capire a cosa servissero tutti quegli strani oggetti babbani, ma lui non si faceva distrarre da nulla, era lì per un motivo, e non se ne sarebbe andato senza portarlo a termine.

<< Ron! Ron svegliati, presto! Hermione è in infermeria! >> disse Harry alle 07:00 del mattino. Ron fece un salto dal letto degno di chi ha appena bevuto una pozione di Fortuna Liquida, seguito da un passo come quello di Grop, il fratello gigante di Hagrid, procedendo con una caduta peggiore di quella che fece Draco Malfoy al primo anno. << Cosa stai dicendo? Dov'è adesso? Perché in infermeria? Se muore la uccido! >>
Harry si divertiva nel vedere l'amico mettersi i vestiti al contrario e le scarpe diverse mentre cercava di capire cosa fosse successo alla sua ragazza. << Lo trovi divertente Harry? In infermeria c'è la mia ragazza e non m'importa un bel niente di vestirmi come magaccio di Notturn Alley! >>
<< Ron, Ron, basta! >> Harry s'interrumpe per ridere ancor più forte << Hermione sta bene! Ti stavo solo prendendo un po' in giro. Da quando state insieme sei super protettivo! >> << Miseriaccia Harry! Ti sembra il modo di scherzare questo? >> Ron controllò l'orologio. << sono... sono le sette del mattino? >> << Sì, Ron. Buongiorno! >> disse Harry ancora ridendo. << Tu... mi hai svegliato... alle sette... del mattino? ... Non appena avrò aggiustato la mia bacchetta, Harry, ti consiglio di tenerti davvero stretto il tuo mantello dell'invisibilità perché io ti cercherò, questa me la paghi, bello mio! >>

Hermione non era in infermeria come voleva far credere Harry, ma l'avrebbe preferito, paragonato alla tortura che stava subendo: << Secondo te le piacerà più il rosa o il giallo a Luna, eh? Forse dovrei prenderli entrambi? Se li prendo entrambi poi non sembrerò un riccone come i Malfoy? E se le prendessi una pianta rara, invece di un indumento? Sai ne sto coltivando molte e... >>

123456789101112

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0