PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diario 12/05/2016

Una sigaretta. Una sola fottutissima sigaretta. Quello che ci vuole, adesso, è semplicemente una sigaretta.
Sono l'una e cinque di notte. Sono maleodorante. Questa puzza che mi possiede è puzza di cancrena. Se ne sono andati i miei anni migliori. E ora resta solo il cadavere della giovinezza. Puzzo. Puzzo! I miei anni migliori. Fottuti. Dimenticati. Persi. Se non fosse che questa strana pazzia mi trattiene per la collottola attaccato alla vita forse la farei sul serio finita.
Oggi è andata come va tutti gli altri giorni. Non è successo niente. Niente. Sono Titta rinchiuso nell'albergo della mia condizione. La gente mi dice: divertiti, passa il tempo. Ma loro non lo sanno.
S'è come rotto il meccanismo. La noia, oggi, è un'angoscia divenuta tangibile. Insomma, non succede mai veramente niente. Sartre diceva che una volta perso il senso dell'avventura le cose diventano un inutile susseguirsi di eventi senza senso. Lo capisco. Per me l'avventura era semplicemente vivere. Per vivere s'intende non farsi sorpassare dagli eventi, possedere gli eventi, aggredire, mordere, cacciare, cacciare. e vi giuro che per anni ho vissuto una vita che valeva la pena essere vissuta. Poi questo fottuto meccanismo. Questa fottuta noia. Questa testa che si ribella perché decide di pensare. È molto pericoloso pensare. Fa male pensare. È un pozzo senza fondo. Un giro sulle montagne russe dell'insensatezza. Dio. Una volta avevo Dio. Se solo ci fosse un Dio. E poi il disastro. Nessun'altra parola. Nessun altro concetto. Solo questo. Disastro.
Oggi sono stato vicino casa a bere. Sono un infelice. Odiavo l'infelicità e amavo la vita. E ora mi crogiolo in essa. La birra mi aiuta a tirare avanti. Non è bello. Non è bello, lo so.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/05/2016 11:25
    UN ESPRESSIVO RACCONTO FORGIATO OCULATAMENTE.
    LIETA GIORNATA.
  • Giacomo Nigro il 12/05/2016 11:15
    La fatica di vivere (qualcuno più Grande ha detto il mestiere di vivere) è ciò che tutti noi abbiamo in comune. Ci sono momenti in cui quella fatica prende il sopravvento sui sogni. La nostra tensione dovrà essere dedicata alla fase di riposo da quella fatica che appunto ci conduce ai sogni. Metti giù la sigaretta o non bere la birra... non si può avere in contermporanea tabacco e bacco per poter tendere a venere.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/05/2016 09:56
    quando finisce l'avventura.. ci si ritrova davanti al muro della nausea... ma è solo un muro esistenziale .. l'anima l'attraversa.. e una nuova meravigliosa avventura inizia...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0